Canada: Ristorante troppo italiano COMMENTA  

Canada: Ristorante troppo italiano COMMENTA  

I giornali canadesi raccontano che c’è un ristorante italiano, che si chiama Buonanotte ed è uno tra i più esclusivi di Montreal, il quale è stato costretto a cambiare in tutta fretta il menu in quanto gli è stato imposto di togliere i termini pasta, bottiglia e antipasto e sostituirli con la traduzione in lingua francese. L’OQLF, cioè l’autorità nel Québec a cui spetta il compito di difendere la lingua d’Oltralpe, ha deciso che quelle tre parole italiane, senza adeguata traduzione, violano il codice della lingua.

Leggi anche: Canada, eletta la ragazza più brutta della scuola: fatevi una vita


Il reclamo all’ufficio era arrivato qualche mese fa da una persona filofrancese, la quale si era lamentata per la poca chiarezza sulla lista dei piatti del Buonanotte. Da lì era seguita una lettera di protesta alla “Polizia della Lingua” (OQLF), la visita di un ispettore e pure una multa. Anche altre parole sono state sostituite, come calamari, frittura. Unica concessione è stata fatta alla parola «pizza».

Leggi anche: Nichi Vendola lascia l’Italia per garantire un futuro al figlio Tobia


Massimo Lecas, titolare del locale, è rimasto basito e si è giustificato dicendo che l’utilizzo delle parole italiane nel menu voleva essere un tributo alle sue origini.


Leggi anche

san-nicola-di-bari-storia-728x344
Cultura

Come si festeggia San Nicola a Bari

Il 6 Dicembre ricorre la solennità liturgica di San Nicola a Bari: gli abitanti del capoluogo pugliese seguono con molta devozione le celebrazioni. Il 6 Dicembre ricorre la festività di San Nicola, il Santo patrono della città di Bari. Le reliquie di questo Santo furono portate nel capoluogo pugliese nel 1087 d.C. dopo essere state conservate per lungo tempo nella cattedrale di Myra in Licia, dove San Nicola svolse per lungo tempo il ruolo di Vescovo. In Occidente San Nicola è per lo più considerato il protettore dei bambini, mentre nello specifico a Bari e dintorni è ritenuto il Santo Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*