Come aprire le ostriche

Le ostriche sono molluschi racchiusi in conchiglie, la cui forma può essere leggermente allungata oppure tonda. In genere le ostriche si gustano crude, con un po’ di limone, ma prima è necessario aprirle nella maniera più corretta. Ecco come.

Leggi anche: Come mantenere l’abbronzatura a lungo


Prima di tutto è opportuno procurarvi un coltellino che sia adatto ad aprire il guscio coriaceo che racchiude il mollusco: ci sono alcuni coltelli fatti proprio apposta per questo tipo di operazioni, e hanno un’impugnatura robusta, una superficie piatta e larga ed una lama tozza e corta.

Leggi anche: Come proteggere i dati personali sul web


1) Impugnate l’ostrica portando la parte piatta verso l’alto, afferrandola con la mano sinistra. La cerniera dell’ostrica deve trovarsi nella parte opposta del vostro polso.

Se avete paura di ferirvi, avvolgete l’ostrica in uno straccio;

2) Infilate tra le due valve la lama del coltello, vicino alla cerniera dell’ostrica;

3) Fate scorrere la lama del coltello lungo il lato interno dell’ostrica, in modo da recidere la parte che tiene unite le due valve;

4) Girate intorno all’ostrica per intero, ruotando la lama del coltello per tenere divise le due valve;

5) A questo punto aprite l’ostrica con delicatezza, e state attenti a non versare il liquido che fuoriesce.

L'articolo prosegue subito dopo

Piuttosto raccoglietelo in una ciotola, perché rende più gustoso il mollusco;

6) Una volta aperta l’ostrica, eliminate eventuali residui depositati all’interno con il coltellino, e tagliate il muscolo che tiene ancorato il mollusco alla conchiglia;

7) Ora le ostriche sono pronte per essere gustate con una leggere spruzzatina di limone. Buon appetito!

Leggi anche

abbronzatura
Guide

Come mantenere l’abbronzatura a lungo

Chi non vuol avere un colorito sano e luminoso durante tutto l'anno? Ecco alcuni consigli per mantenere l'abbronzatura senza usare la lampada. E' ufficiale, è arrivato l'autunno. Secondo gli esperti, proprio dal venerdì avremo meno ore di luce e di conseguenza meno ore di sole. Così la nostra abbronzatura estiva man mano andrà via. La melanina, il pigmento che colora la nostra pelle, produce i melanociti che si trovano nella pelle. Questi melanociti si attivano con il sole e donano alla pelle la caratteristica abbronzatura, che senza luce del solo, andrà via progressivamente. Vediamo insieme cosa si può fare per evitare [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*