I cani sanno leggere le nostre emozioni COMMENTA  

I cani sanno leggere le nostre emozioni COMMENTA  

Alcuni studi delle Università di Lilcoln e di San Paolo hanno dimostrato che i cani fanno  rappresentazioni mentali e sanno quindi riconoscere le emozioni umane

La maggior parte delle persone che a casa hanno un cane sono convinte che il loro amico possa capirli alla perfezione, oggi perfino la scienza ha confermato questa notizia e ne spiega il perchè. I ricercatori dell’ università inglese di Lincoln e brasiliana di San Paolo, hanno dedicato studi ed esperimenti per cercare di capire se i cani potessero decifrare e riconoscere le emozioni umane e i risultati sono stati molto interessanti. Questi animali riescono a mettere insieme informazioni che provengono da sensi differenti, il tono della voce, l’espressione facciale, certi movimenti, riuscendo a formare delle rappresentazioni mentali astratte degli stati emotivi degli esseri umani, sia positivi che negativi. Per provarlo i ricercatori hanno preso a campione 17 cani ed hanno deciso di sottoporli ad alcuni stimoli come per esempio dei suoni, o mostrandogli delle immagini di uomini o di altri cani.


I dottori hanno rilevato che i cani si soffermavano molto nell’osservazione dell’espressione facciale dei volti raffigurati quando in concomitanza vi era un suono vocale associato.

Il dottor Kun Guo ha spiegato: “In passato – spiega Kun Guo – gli studi hanno indicato che i cani possono distinguere tra emozioni umane attraverso alcuni ‘indizi’, come le espressioni facciali.

Ma non è la stessa cosa rispetto al riconoscimento emotivo. Il nostro lavoro mostra che i cani hanno la capacità di integrare due diverse fonti di informazioni sensoriali, in una percezione coerente delle emozioni sia degli esseri umani che dei cani.

L'articolo prosegue subito dopo

Per fare ciò è necessario un sistema di classificazione interna degli stati emotivi.

Questa capacità cognitiva è stata evidenziata finora solo nei primati e la capacità di fare questo tra diverse specie si è vista solo negli esseri umani”. Il dottor Daniel Mills ha in seguito aggiunto: “Molti proprietari di cani – dice il co-autore Daniel Mills – ci segnalano nei loro aneddoti che gli animali domestici sembrano molto sensibili agli umori dei membri della loro ‘famiglia umana’. Il nostro studio è il primo a dimostrare che i cani riconoscono veramente le emozioni negli esseri umani e negli altri cani, senza ricevere alcuna formazione precedente o aver trascorso un periodo di familiarizzazione con i soggetti presentati nelle immagini o negli audio. Una capacità, dunque, che può essere intrinseca”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*