Le compagnie aeree dovrebbero risarcire i passeggeri dei voli in ritardo fino a 600 €, sostiene il giudice

News

Le compagnie aeree dovrebbero risarcire i passeggeri dei voli in ritardo fino a 600 €, sostiene il giudice

Le compagnie aeree dovrebbero pagare un risarcimento ai passeggeri il cui volo subisce un ritardo di più di tre ore, ha sostenuto un giudice.

L’avvocato generale Yves Bot compagnie aeree sostenuto compensino pecuniariamente i passeggeri in ritardo con la stessa quantità di denaro offerta a coloro il cui volo viene cancellato.

La Corte europea di giustizia ha affermato che i passeggeri di voli in ritardo devono avere il diritto di chiedere un risarcimento compreso tra 200 sterline (350 euro) e £ 480 (600 euro) a seconda della distanza del viaggio.

Secondo i regolamenti di volo attuali in atto nel 2004 significa che i passeggeri con voli cancellati o a cui viene negato l’imbarco possono richiedere un risarcimento.

Ma le compagnie aeree non dovranno pagare un risarcimento se i ritardi sono causati da circostanze straordinarie – come le nubi di cenere vulcanica.

Ma gli esperti dicono che potrebbe costringere le compagnie aeree a sborsare £ 1 miliardo all’anno in compensazione.

Anche se l’avvocato generale ha aggiunto che le compagnie aeree non dovrebbero essere obbligate a pagare una compensazione pecuniaria se possono dimostrare che la cancellazione o ritardo prolungato è stato causato da «circostanze eccezionali».

Molte compagnie aeree e agenzie di viaggio hanno già protestato e contestato la normativa vigente sulla cancellazione dei voli e vogliono combattere qualsiasi tentativo che i regolamenti devono essere estesi ai ritardi dei voli.

La Corte europea dovrebbe prendere una decisione definitiva sulla questione entro i prossimi tre-sei mesi, ha confermato un portavoce della Corte dell’Unione europea di giustizia.

Un portavoce della BA ha detto: ‘Siamo consapevoli del parere non vincolante e attendiamo la sentenza definitiva.’

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche