L’Inter conta di portare Isla in ritiro COMMENTA  

L’Inter conta di portare Isla in ritiro COMMENTA  

Inter-Isla un matrimonio che si farà. Il cileno in rottura con la Juventus è prossimo all’approdo nel club nerazzurro per una cifra di poco superiore ai 5 milioni, cifra con cui l’Inter preleverà solo la metà juventina, assicurandosi le prestazioni del giocatore per la prossima stagione.

Leggi anche: Calcio. Inter Milan 2 -2 Pioli esulta


Se non questa, sarà la prossima settimana, ormai restano pochi dubbi sul passaggio di Mauricio Isla in maglia nerazzurra. La Juve dopo aver investito oltre 9 milioni un anno fa per prelevare la metà del suo cartellino dall’Udinese ha smesso di credere nel talento dell’esterno, dopo una sola stagione, stagione tutt’altro che felice per il cileno, che però era reduce da un grave infortunio al ginocchio.

Leggi anche: San Siro.Milan e Inter nel derby del rilancio

Chi continua a credere nel talento del sud-americano è l’Inter, soprattutto il suo nuovo allenatore Walter Mazzarri, che sin dal suo approdo a Milano ha posto Isla in cima alla lista delle sue priorità per la corsia destra.

La trattativa, già imbastita da un po di settimane, è prossima alla conclusione, anche perché come sottolineato dallo stesso giocatore in un intervista recente, c’è la necessità di cominciar a lavorare sin dal primo giorno col nuovo staff tecnico, per non rischiar di incorrere in un altra stagione piena di problemi fisici, come la precedente, problemi figli di una non eccellente riabilitazione post-intervento effettuata in parte con i medici dell’Udinese ed in parte con quelli della Juve.

L'articolo prosegue subito dopo

Il numero 33 bianconero ha fatto sapere a Marotta di voler andare solo all’Inter, preannunciandogli che non prenderà in considerazione altre soluzioni, in virtù di ciò la società torinese ha abbassato le proprie pretese economiche, ferme a 7.5 fino a 20 giorni fa ed ora più vicine ai 6 che ai 7 milioni, l’Inter per ora è arrivata ad offrire 5.5, insomma una differenza c’è ancora, ma non certo tale da far saltare un operazione già ben avviata.
Mazzarri a breve avrà Isla, in tempo per fargli cominciar sin dall’inizio il ritiro di Pinzolo, il cileno andrà così a rimpolpare la già lunga lista di acquisti del DG Marco Branca
Vincenzo Margiotta

Leggi anche

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell'estrema destra
Attualità

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell’estrema destra

 A cento anni  dalla morte dell'imperatore più amato, Francesco Giuseppe, l'Austria si riscopre epicentro di un destino europeo. Anche le elezioni presidenziali di oggi potrebbero segnare la fine di un mondo, di un  " mondo di ieri" come avrebbe detto Stefan Zweig, quello dei partiti tradizionali, quello del liberalismo democratico e quello del solido europeismo austriaco. La sfida è tra il candidato di quel mondo, Alexander Van der Bellen, e il rappresentante del populismo nazionalista, Norbert Hofer, esponente di un partito, la Fpoe, schizzato alle stelle in tutti i sondaggi cavalcando gli istinti più bassi provocati dalla crisi dei profughi del 2015. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*