Lista Rossa Italia Nostra: ecco i beni culturali a rischio nel nostro paese

Lista Rossa Italia Nostra: ecco i beni culturali a rischio nel nostro paese

Cultura

Lista Rossa Italia Nostra: ecco i beni culturali a rischio nel nostro paese

lista-rossa-italia-nostra

Partito l’aggiornamento della Lista Rossa di Italia Nostra, l’elenco dei beni culturali a forte rischio degrado. 200 sezioni al lavoro sul territorio.

L’associazione Italia Nostra ha annunciato di avere dato inizio alle attività di aggiornamento della Lista Rossa. Si tratta dell’elenco dei beni culturali a forte rischio degrado presenti in tutto il territorio italiano. La prima stesura della Lista Rossa è stata completata fra il 2011 e il 2012 e già allora si segnalarono le condizioni di abbandono di molti siti di interesse culturale. Ora l’intenzione è quella di aggiornare l’elenco, completandolo in termini di beni da censire e aggiornandolo in base al rilievo dello stato attuale.

Saranno circa 200 le sezioni di Italia Nostra sparse in tutto il territorio del nostro paese che si occuperanno di questa attività, facendo sopralluoghi, raccogliendo documentazione e scattando soprattutto fotografie. Porzioni di antichi borghi e centri storici, castelli, torri, palazzi, monumenti e edifici religiosi in condizioni di degrado più o meno avanzato saranno al centro delle analisi.

Tutti, in ogni caso, beni culturali che necessitano specifiche tutele.

“Il nostro impegno”, ha spiegato il presidente di Italia Nostra Marco Parini, “è l’impegno di coloro che non vogliono che tanti monumenti, per nulla minori, identitari della nostra cultura, cadano nell’oblio: la conservazione è il presupposto fondamentale per la memoria di luoghi e persone”. La Lista Rossa si apre con 40 siti in particolari condizioni di pericolo, di cui 5 ritenuti a grande rischio.

Cinque siti a grande rischio. Possibilità di collaborare tramite un’apposita app

Si tratta dell’area archeologica della città antica a Teano, in provincia di Caserta, la Fabbrica Alta di Schio (Vicenza), le Scuderie Reali di Villa Ada Savoia a Roma, le Sinis Cabras, le torri costiere sarde, e il borgo di Fogliano presso Latina.

Novità della nuova edizione della Lista Rossa è la possibilità di partecipare per chiunque voglia segnalare un sito di interesse culturale bisognoso di tutela.

Italia Nostra ha infatti messo a disposizione l’app ‘Lista Rossa’ tramite la quale si potranno inviare fotografie di luoghi e monumenti tramite il proprio smartphone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche