Drakefor e radiofrequenza: come eliminare la cellulite

Donna

Drakefor e radiofrequenza: come eliminare la cellulite

cellulite
cellulite

La cellulite è un fastidioso inestetismo della pelle di cui soffrono migliaia di donne in tutto il mondo. Ma come si può combattere? In questo articolo scopriremo i consigli degli esperti e il miracoloso effetto della radiofrequenza.

La cellulite è, purtroppo, un inestetismo della pelle che affligge migliaia di donne in tutto il mondo e per molte è causa di insicurezza e vergogna. Si manifesta con il caratteristico aspetto della pelle a “buccia d’arancia“, ma è in realtà una patologia legata al tessuto connettivo: in pratica è un aumento di volume delle cellule adipose, cioè un accumulo di grasso in determinate zone del corpo, soprattutto fianchi, glutei e cosce. Alla sua origine sembra esserci un insieme di cause ormonali, genetiche e vascolari, aggravate dallo stile di vita: è noto, infatti, quanto una vita sedentaria e un accumulo di stress, sommati ad una cattiva alimentazione e all’abuso di alcool e fumo, possa aggravare questo problema estetico.

Come eliminare la cellulite

Essendo il risultato di più fattori, la cellulite è difficile da combattere e ogni anno donne di tutte le età e di tutti i paesi tentano questa battaglia con diete, esercizi, trattamenti e creme di ogni tipo.

Ma quali sono i consigli dei professionisti per tentare di prevenire o porre un freno a questo problema estetico?

Alimentazione sana

Innanzitutto, essendo la cellulite principalmente legata a cattiva alimentazione e ritenzione idrica, è necessario modificare il proprio stile di vita, adottando un’alimentazione sana ed equilibrata, ricca di frutta e verdura e povera di grassi e zuccheri. Indispensabile inoltre limitare l’uso di sale, fumo, alcool e caffè, poiché aumentano la ritenzione idrica e aggravano la cellulite. Importante è anche bere molta acqua per favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso.

Attività fisica

Dopodiché non si può pensare di eliminare la cellulite senza praticare attività fisica. Questa non deve necessariamente essere un’attività intensa, basta anche una camminata veloce, l’importante è che sia costante e regolare. Infatti accelerando il metabolismo si diminuisce l’accumulo di grassi e si migliora la circolazione.

Evitare indumenti stretti

È consigliato anche evitare di indossare vestiti troppo attillati, poiché questi tendono a limitare la circolazione aggravando la cellulite.

Creme anticellulite

Ovviamente non si può pensare di combattere la cellulite solo utilizzando una delle tante creme anticellulite in circolazione, queste infatti non fanno miracoli.

Va detto però che, se utilizzate regolarmente, grazie ai principi attivi che contengono e al massaggio praticato per stenderle, le creme anticellulite aiutano davvero a rendere la pelle più liscia e ad attenuare gli inestetismi della cellulite e la buccia d’arancia. Tra i migliori ci sono quelli a base di caffeina, che ha la proprietà di aiutare la metabolizzazione dei lipidi di riserva, e di alghe che, contenendo iodio, aumentano il metabolismo con un effetto dimagrante e snellente.

Crema per il corpo di Biopoint grazie alla formula con caffeina, favorisce l’idratazione della pelle e lascia la pelle liscia al tatto. Con un profumo intenso e delicato, è ideale per la cura del corpo e si assorbe molto rapidamente.

Di casa Geomar, la crema anticellulite ha la consistenza di un gel e si assorbe molto rapidamente. Garantisce effetto immediato sulla pelle dopo poche applicazioni e lascia un senso di freschezza grazie alla costante nutrizione della pelle.

La crema Collistar è una crema anticellulite che si assorbe velocemente e lascia la pelle morbida e levigata.

Grazie alla formula a rapido assorbimento, tonifica la pelle lasciando un profumo delicato per tutto il giorno.

Rilassarsi

Anche lo stress e l’ansia sono cause del peggioramento della cellulite, poiché limitano la respirazione cutanea, infiammando i tessuti con conseguente manifestazione della cellulite. Per questo motivo molti sostengono che anche le tecniche di rilassamento, come il pilates, lo yoga e la meditazione, possano dare ottimi risultati per contrastare questo fastidioso inestetismo.

Trattamenti professionali

Per chi invece vuole provare a combattere la cellulite senza escludere nulla, ci sono anche diversi trattamenti professionali che affrontano la buccia d’arancia in modo meccanico o medico e intensivo. Ne sono un esempio la pressoterapia, che stimola il drenaggio dei liquidi con un’apparecchiatura specifica la mesoterapia, che, utilizzando dei piccoli aghi per iniettare sottocute dei farmaci, tonifica la pelle e la radiofrequenza.

Cos’è la radiofrequenza

La radiofrequenza utilizza ultrasuoni per ridurre l’adiposità localizzata, il grasso in eccesso, e quindi ridurre la cellulite.

Le onde elettromagnetiche, infatti, producono effetti elettrotermici negli strati più profondi della pelle che, disgregando i cuscinetti cellulitici, li fanno implodere liberando i liquidi che saranno poi eliminati dal normale lavoro dei reni. Una seduta di radiofrequenza è molto semplice e per niente invasiva: solitamente viene applicato un gel per facilitare il passaggio delle onde e poi viene fatto passare il manipolo nella zona in cui si vuole intervenire. Si percepisce un leggero calore che può portare a sviluppare lievi eritemi che spariscono solitamente entro 24 ore. È questo il motivo per cui gli esperti consigliano a chi soffre di fragilità capillare o teleangiectasie di non sottoporsi a sedute di radiofrequenza.

Drakefor

La radiofrequenza medica ha costi che si aggirano intorno ai 200 euro a seduta, ma può essere effettuata anche nei centri estetici purché le apparecchiature siano a norma. Ovviamente la radiofrequenza estetica ha costi molto più bassi, con trattamenti a partire anche da 70 euro, ma serviranno più sedute per avere risultati visibili.

Da oggi però è possibile fare questo trattamento anche a casa con i numerosi apparecchi domestici in circolazione a prezzi molto più vantaggiosi, come il Drakefor.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Anni '40
Donna

I capelli delle donne negli anni ’40

22 settembre 2017 di Notizie

Le ristrettezze economiche degli anni ’40 si rispecchiano per molte donne anche nella scelta di tagli corti e pratici come il caschetto. Chi può però non rinuncia a onde e ricci, anche fai da te.