Reggio, lanciano 1 kg di droga dalla finestra: finisce in testa agli agenti

droga

Uno spacciatore di droga fermato dai vigili ha cercato di nascondere le prove lanciando gli stupefacenti dalla finestra ma gli agenti aspettavano di sotto.

Un bizzarro incidente è avvenuto negli scorsi giorni a degli spacciatori di droga a Reggio.

Leggi anche: Allarme droga, 75 morti in 3 giorni: è eroina killer tagliata con antidolorifico

Martedì 20 poco dopo le 16.00, il 32enne Giuseppe Ursillo, sospettato di spaccio era stato fermato dai vigili poco dopo essere uscito di casa con il suo motorino.

Leggi anche: Ragazzo morto in gita, il presidente dei presidi: abolire viaggi scolastici

Da settimane le forze dell’ordine stavano indagando su di lui. Al momento del fermo Ursillo non aveva con se nessun tipo di droga. Però si comportava in modo strano ed era nervoso, così i vigili hanno deciso di proseguire le indagini nella sua abitazione nel quartiere di Santa Croce, in via Giacomo Mandra.

Gli agenti del nucleo antidroga lo hanno accompagnato al suo appartamento e arrivati davanti alla porta, invece che aprire con le chiavi, Giuseppe ha urlato “Aprite, c’è la polizia!”. Il palese tentativo di salvare la situazione in extremis era rivolto agli amici che al momento erano all’interno dei casa sua.

L'articolo prosegue subito dopo

Questi prontamente ma poco furbamente hanno deciso di lanciare tutta la droga che era nascosta in una scatola di pandoro dalla finestra, per sbarazzarsene più in fretta possibile. Il risultato è però che è caduta fra le braccia dei vigili, che aspettandosi una simile situazione si erano appostati sotto il palazzo. L’uomo è stato arrestato, per spaccio e per il possesso di 1kg di stupefacenti. Gli amici invece non sono coinvolti nell’attività criminale.

Leggi anche

veronica panarello
News

Veronica Panarello su morte Loris: è stato il nonno ad ucciderlo

Ennesima deposizione di Veronica Panarello: è stato il suocero a uccidere il piccolo Loris. La giovane si è recata in tribunale spontaneamente. Veronica Panarello si è recata nel tribunale di Ragusa e ha rilasciato altre confessioni spontanee. La donna ha accusato il suocero, Andrea Stival, di aver soffocato Loris. Ha confessato di aver avuto una relazione con il suocero e proprio questo è legato ai motivi dell'uccisione del figlio. Infatti il piccolo Loris avrebbe visto la mamma e il nonno insieme e avrebbe voluto confessare tutto al papà. Quella mattina in cui non è andato a scuola, facendo i capricci [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*