Roma terremoto: in centro evacuate 20 famiglie

Cronaca

Roma terremoto: in centro evacuate 20 famiglie

vigili-del-fuoco-roma-terremoto

In centro a Roma un palazzo di cinque piani è stato fatto evacuare. Pericoli per alcune crepe nel corpo scale, forse provocate dal recente terremoto.

Nella notte, gli uomini dei Vigili del Fuoco di Roma hanno dovuto far sgomberare una parte di un palazzo situato nella zona centrale della Capitale, in via Germano Sommelier. Si tratta di un edificio ad uso residenziale, un comune condominio, di cinque piani di altezza, in cui è stata rilevata la presenza di alcune crepe.

Crepe nel corpo scale di un palazzo in via Germano Sommelier a Roma. Forse causate dalle recenti scosse di terremoto. Evacuazione ordinata dai Vigili del Fuoco nella notte

Le lesioni, secondo quanto si è appreso, interessano il corpo scale del palazzo ubicato in via Germano Sommelier. Si tratta di fessure “in continua evoluzione”, e forse proprio per questa ragione il quadro di danneggiamento è stato ritenuto preoccupante dagli uomini dei Vigili del Fuoco accorsi per un sopralluogo.

Preoccupante al punto da comportare un ordine di sgombero immediato. La possibilità che le crepe tendano ad allargarsi – per giunta con una certa velocità – ha indotto le autorità alla massima cautela.

Quadro fessurativo in continua evoluzione, probabile l’assenza di garanzie anche a fronte di eventuali ulteriori scosse di terremoto a Roma

Sono venti le famiglie coinvolte, che hanno dovuto lasciare la loro abitazione proprio perché facente parte del palazzo di via Germano Sommelier. Non sono state fatte ipotesi di crollo imminente, ma il quadro fessurativo è stato giudicato comunque grave. Non si esclude che le lesioni possano essere state provocate dalle recenti scosse di terremoto che hanno colpito anche la Capitale. Allo stato attuale, non potendosi inoltre escludere ulteriori eventi sismici anche a breve termine, è ipotizzabile che le condizioni del corpo scale del palazzo evacuato non siano state giudicate tali da garantire il giusto margine di sicurezza statica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche