Scontro fra treni in Puglia, sono 27 i morti

Cronaca

Scontro fra treni in Puglia, sono 27 i morti

scontro fra treni in puglia

Si aggrava il bilancio della tragedia dello scontro fra treni in Puglia. Il numero delle vittime è salito a ventisette e i feriti sono almeno cinquanta.

Intervenendo a proposito dello scontro fra treni in Puglia, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha parlato di una “tragedia inammissibile”.

27 le vittime accertate

Sono 27 i morti accertati a seguito dello scontro fra treni in Puglia. Il conteggio delle vittime si aggravato nel corso della notte. Una cinquantina i feriti. L’incidente è avvenuto ieri mattina alle 11 e 30. Due convogli di quattro vagoni ciascuno si sono scontrati a metà del tragitto che collega le stazioni di Andria e Corato, a nord di Bari.

L’impatto, avvenuto nei pressi di una curva del tracciato, è avvenuto ad una velocità di circa 100 chilometri orari. Pressoché polverizzati cinque degli otto vagoni. Al momento la procura di Trani indaga per omicidio colposo plurimo e disastro ferroviario. La scatola nera di almeno uno dei treni è stata estratta integra.

Forse un errore umano la causa della tragedia

L’ipotesi più accreditata, per ora, sembra essere quella dell’errore umano.

La tragedia è avvenuta lungo una linea costruita negli anni Sessanta, a binario unico, ovvero con necessità di consentire il transito dei treni solo in una delle due direzioni. La regolazione del traffico sarebbe finora sempre stata attuata mediante confronto fra gli operatori, senza sistemi automatici di controllo. Proprio in questi mesi, dopo una lunga trafila, si era in fase di assegnazione dell’appalto per il raddoppio della linea su cui è avvenuto il frontale fra i due treni. Numerosi sono, purtroppo, i disastri ferroviari che finora hanno avuto luogo in Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche