Second Life, 64enne violenta la sua “consorte” 13enne

News

Second Life, 64enne violenta la sua “consorte” 13enne

SECOND LIFE VIOLENZA
SECOND LIFE VIOLENZA

Questa volta la violenza è scattata a Milano. Un turista americano residente in Portogallo di 64 anni ha sposato sul social “Second Life” una ragazzina di 13 anni e l’ha violentata nella camera di albergo dove alloggiava. L’uomo era venuto assieme alla moglie giovedì 12 maggio e aveva visitato la città per vari giorni assieme alla ragazzina. Sabato 14 maggio mentre la donna era andata a fare shopping, l’uomo ha invitato la ragazzina in hotel e qui si è consumata la violenza. La ragazzina poi ha raccontato tutto ai professori della scuola, che hanno immediatamente avvisato i genitori e la polizia. Gli investigatori diretti dal dottor Lorenzo Bucossi sono arrivati subito all’uomo che non ha precedenti e momentaneamente è rinchiuso nel carcere di San Vittore. Il gip Alessandra Clemente ha firmato il provvedimento, richiesto dal pm Andrea Fraioli. Il giudice però non ha riscontrato la violenza sessuale, come invece chiesto dal magistrato.
La ragazzina e l’uomo avevano iniziato a sentirsi sui social, si scambiavano foto pornografiche e si vedevano via webcam.

L’uomo ha ribadito contro l’accusa che non si era reso conto che la ragazzina fosse minorenne. La mobile contro gli abusi sessuali guidata da Rita Fabretti vuole capire se questa violenza sia un caso isolato o se l’uomo ne nasconda altre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche