Strage in Puglia: il cordoglio dei vip sui social COMMENTA  

Strage in Puglia: il cordoglio dei vip sui social COMMENTA  

Cordoglio di Roberto Saviano
Cordoglio di Roberto Saviano

Scontro fra treni in Puglia. 27 morti e 50 feriti è l’ultimo bilancio. I vip dedicano messaggi di cordoglio alle famiglie sui social network.

Lo scontro fra treni in Puglia ha sconvolto tutti, che non hanno tardato il cordoglio alle vittime. Sono saliti a 27 i morti nell’incidente, 50 i feriti. Ignote le cause che hanno determinato il tragico episodio. Certo è che uno dei due treni, su quell’unico binario, non doveva esserci. L’episodio ha toccato i cuori di ogni ascoltatore e, nel momento in cui gli ospedali hanno dichiarato l’urgenza di sangue per salvare le vite dei feriti, tutti i donatori disponibili sono accorsi al pronto soccorso, tanto da causare sovraffollamento.


Sul posto, al momento dell’incidente di uno dei più tragici incidenti ferroviari italiani, c’erano già numerose figure di spicco del panorama italiano. Chi non è accorso sul luogo dell’incidente ha espresso il suo cordoglio tramite i social network. A partire dai vip pugliesi.


Lino Banfi, pugliese, si sente colpito in prima persona e afferma su Twitter “Sono vicino con tutto il cuore ai miei concittadini che stanno vivendo questa tragedia”.

Al Bano posta su Facebook un’immagine aerea dell’incidente e vi aggiunge “TRAGEDIA IN PUGLIA: in attesa che sia fatta luce per chi purtroppo non avrà mai luce… mi unisco al dolore delle famiglie colpite da questa IMMANE.. INCREDIBILE DISGRAZIA. AL BANO”.

Renzo Arbore, invece, scrive sulla sua pagina ufficiale “Quando succedono tragedie simili, si fa sentire forte la propria regione di appartenenza. Stasera vorrei abbracciare forte tutti i familiari delle vittime pugliesi. R.A.”.


Renzi afferma che “Troverà i responsabili”. Il pungente commento di Saviano è un’emblematica risposta a questo (e a tutti gli altri) disastri italiani I”l Presidente del Consiglio dice che cercherà i responsabili dell’incidente ferroviario di Barletta, mentre io credo che quello dovrebbe individuarli la magistratura.

L'articolo prosegue subito dopo

A Renzi spetterebbe il compito di rendere il servizio ferroviario dignitoso. Un servizio che è abbandonato, trascurato, sottodimensionato. Muoversi in Puglia, in Calabria, in Campania, in Basilicata, in Sicilia è un’impresa da avventurieri”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*