Stress da rientro: consigli utili per superare le vacanze

Salute

Stress da rientro: consigli utili per superare le vacanze

stress
Disegnare con la Luce di Luciano Costa Napoli estate 2017

La parola stress, una delle più utilizzate nel vocabolario moderno, deriva dal latino “stringere” e in particolare dal participio passato “strictus” che significa: “stretto, angusto, serrato”.

Quando Mozart stava componendo alla fine del XVIII secolo, la città di Vienna era così tranquilla che gli allarmi antincendio potevano essere dati verbalmente, dalle grida di un guardiano montato sulla parte superiore della Cattedrale di St. Stefan. Nella società del ventesimo secolo, il livello di rumore è tale che i nostri corpi sono sempre stonati e fuori dei loro ritmi naturali. Questo crescente assalto del suono nelle nostre orecchie, menti e corpi aggiunge stress negli esseri civilizzati che già devono vivere in un ambiente molto complesso.
(Steven Halpern)

Stress da Vacanza

La parola stress, una delle più utilizzate nel vocabolario moderno, deriva dal latino “stringere” e in particolare dal participio passato “strictus” che significa: “stretto, angusto, serrato”.

A soffrire di stress da vacanza è circa un italiano su tre. Lo ha rivelato una recente indagine di In a Bottle che pone l’accento sul fatto che un italiano su cinque si sente stanco fin dalla partenza.

La sensazione prosegue anche al ritorno dalle ferie. La vacanza dovrebbe essere dedicata al relax, ma tutto questo non si può dire che valga per tutti.

Consigli anti Stress

Stress

l fidget spinner è un giocattolo, una sorta di piccola trottola, la foto ritrae un modello stampato in 3D su carta Mondi da Digicopy milano, il cui corpo rotante è imperniato su un cuscinetto a sfera centrale che permette di farlo ruotare attorno all’asse principale di rotazione tenendo il cuscinetto fermo tra due dita di una mano. La particolare forma della parte rotante permette di avviare e ravvivare la rotazione con un colpetto di dita.

Lo spinner fu ideato nel 1993 da una madre statunitense, Catherine A. Hettinger, in un periodo in cui soffriva di una seria malattia neuromuscolare, la miastenia gravis. Brevettò il giocattolo anti stress nel 1997, ma non ricevette attenzione dalle case produttrici alle quali era stato proposto. Tra queste vi era anche la Hasbro, che declinò l’interesse dopo gli esiti della sperimentazione su un campione di potenziali consumatori.

All’approssimarsi della scadenza del brevetto nel 2005, la sua inventrice non ha potuto farsi carico dei 400 dollari necessari per il rinnovo. Questo ha lasciato liberi molti produttori (tra cui anche la Hasbro) di riprendere l’idea e dare inizio alla produzione e distribuzione del gadget, offerto in una varietà di forme e di design diversi.

“L’art therapy”

L'”art therapy”, come terapeutica anti stress, sta riscontrando un successo sempre maggiore ovunque: creare belle opere d’arte può essere in effetti un’esperienza positiva e rilassante. Occorre semplicemente completare le magnifiche illustrazioni dei libri, e usare la propria creatività per aumentare la capacità di concentrazione e migliorare l’umore. Magici mandala e motivi ritmici che si ripetono, straordinarie forme geometriche e ghirigori che scorrono liberamente… Ogni volume è diviso in due parti: le pagine da colorare all’inizio sono seguite da quelle dedicate agli scarabocchi. Anche gli artisti alle prime armi possono creare qualcosa di straordinario: in queste pagine saper disegnare non serve.

Ad esempio il creativo Lorenzo Marini ha ideato l’alfabeto creativo tutto da disegnare.”Type visual” nasce dalla volontà dell’artista di slegare le lettere dal loro significante e dalla loro funzione intrinseca, per celebrarne la mera dimensione estetica e permettere a ognuno di noi di sperimentare la propria vocazione artistica, interpretando liberamente forme, linee e colori. Un coloring book che lascia le forme del disegno tradizionale per abbracciare una nuova e divertente geometria.

Riflessione

Lo stress è come una spezia − nella giusta proporzione esalta il sapore di un piatto. Troppo poca produce un blando, noioso pasto; troppa può soffocarlo.
(Donald Tubesing)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche