YOUTUBE Incide ciste sulla schiena: ecco cosa esce

News

YOUTUBE Incide ciste sulla schiena: ecco cosa esce

YOUTUBE Incide ciste sulla schiena: ecco cosa esce
YOUTUBE Incide ciste sulla schiena: ecco cosa esce

YOUTUBE Incide ciste sulla schiena: ecco cosa esce. La dermatologa più famosa degli Stati Uniti ha fatto nuovamente parlare di sé dopo il nuovo video postato sul suo canale YouTube.

La dottoressa Sandra Lee, alias Pimple Popper, nel nuovo video incide con il bituri una grossa ciste che si trova sulla schiena di un uomo. Dopo l’uscita di una gran quantità di un liquido purulento, color giallo crema alla fine esce una pallina, la ciste vera e propria. Il tutto è stato ripreso dalle telecamere, perché come la dottoressa Pimple dopo ogni suo intervento è solita postare  i video sul proprio canale YouTube “Doctor Pimple”.

L’uomo ha raccontato di essersi accorto di avere tre cisti sulla schiena già da 17 anni, ma di non averci dato mai troppo peso. Solo negli ultimi tempi ha iniziato a pensare che avrebbe potuto farsele asportare e così si è rivolto alla famosa dermatologa californiana.

Il filmato, che dura 15 minuti e riprende l’intera operazione, è stato postato su YouTube e su Instagram ed è stato visualizzato da quasi 300mila utenti.

La dottoressa Lee è una dermatologa specializzata nella dermatologia cosmetica ed è diventata famosa sul web grazie al suo canale YouTube in cui pubblica video, spesso cruenti, dei propri interventi, in cui opera cisti, punti neri o tumori benigni. Su Instagram ha 260mila follower e oltre 340mila sottoscrittori su YouTube.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Blue Whale
Cronaca

Blue Whale, terza vittima a Pescara: 15enne salvato dagli amici del calcetto

24 maggio 2017 di Ilaria Ferrario

Dalla Russia all’Italia, il gioco perverso della Blue Whale Challenge colpisce a Pescara, vittima un ragazzo di soli 15 anni che fortunatamente è stato fermato in tempo, prima che raggiungesse l’ultima fase di questa catena autodistruttiva. Non si tratta del primo caso in Italia, infatti si contano altre due vittime: una ragazzina tredicenne finita in ospedale ad Ancona e un coetaneo salvato da un’amica e dal padre. Nello specifico, dei tagli sul braccio del quindicenne avrebbero allarmato gli amici durante una banale partita a calcetto. In seguito al fatto, gli investigatori della Polizia Postale hanno provveduto a sequestrare il cellulare del ragazzino e capire, attraverso le conversazioni su Whatsapp, cosa abbia spinto la vittima a partecipare al gioco della morte della Blue Whale Challenge. Nonostante l’ideatore sia stato catturato e i casi legati al fenomeno siano in calo, rimane la preoccupazione che questo possa diffondersi e creare anche molti fasi allarmi.

Loading...