41enne sbranato dal suo cane: aveva mangiato diverse dosi di crack
41enne sbranato dal suo cane: aveva mangiato diverse dosi di crack
News

41enne sbranato dal suo cane: aveva mangiato diverse dosi di crack

cane
41enne sbranato dal suo cane: aveva mangiato diverse dosi di crack

Mario Perivoitos ha perso la vita a causa delle ferite inflittogli dal suo fedele bull terrier, che aveva accidentalmente ingerito del crack.

Le premesse

La droga fa male e purtroppo anche agli animali. Major, fino ad allora fedele bull terrier e compagno, per il britannico Perivoitos, ha ingerito erroneamente e furtivamente un quantitativo di crack 8 volte superiore a al limite massimo umano consentito e ciò ha provocato una tragedia. Il cane, infatti, in preda a crisi convulsive, ha attaccato il padrone mentre stava dormendo ed uno dei tanti morsi alla gola gli è costato la vita. Trasportato d’urgenza in ospedale, il 41 enne londinese non è riuscito a salvarsi ed è morto proprio a causa del suo migliore amico. Ma cosa ha scatenato l’inferno nella casa del londinese?

Il dramma

L’uomo era un abituale fruitore di droghe. Ne aveva assunte anche la notte prima della tragica morte e forse Major ha trovato qualche dose di crack sparsa per casa.

L’effetto delle droghe sul cane è stato infernale. Ha perso completamente il controllo delle sue azioni ed ha, infatti, attaccato colui che più amava. Adesso, secondo testimonianze vicine ai fatti, il cane sarebbe distrutto per ciò che ha fatto.

Il tutto è avvenuto sotto l’occhio vigile di una telecamera della BBC che si trovava nell’appartamento di Peivoitos per girare un documentario sulle droghe pesanti. Un’esperienza da incubo, durata più di due ore per gli operatori, che resosi conto del fatto, hanno cercato disperatamente di salvare l’uomo, ferito gravemente. Il cane ha morso violentemente il padrone al volto ed al collo, provocando, sin da subito, un’emorragia interna estesa e grave. A nulla sono valsi i soccorsi. L’uomo, trasportato d’urgenza all’ospedale, è subito sembrato in condizioni disperate ed è morto poco dopo il suo arrivo. Sono stati proprio gli operatori della BBC a dividere cane e padrone, nel disperato tentativo di salvargli la vita.

Un’esperienza ben più traumatica di un documentario sulle droghe.

L’effetto delle droghe sul cane

Tuttavia, se da questa vicenda qualcosa si vuole imparare, è sicuramente la fatalità delle droghe e la loro capacità di inibire l’autocontrollo. Il caso del cane ne è l’esempio lampante. In preda a convulsioni ed ira, non ci ha pensato due volte ad attaccare l’uomo che lo ha accudito per anni. E lo stesso vale per l’uomo. I danni cerebrali, causati dalle droghe, possono essere permanenti e le azioni compiute sotto effetto di stupefacenti riprovevoli e terribili.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche