> > Attentatore New York incriminato per l'atto terroristico

Attentatore New York incriminato per l'atto terroristico

Attentatore New York

Incriminato per terrorismo Akayed Ullah, attentatore New York che Lunedì scorso ha tentato di farsi esplodere a Time Square, fallendo.

Il cittadino bengalese, da 6 anni residente negli Stati Uniti, Akayed Ullah è stato formalmente incriminato per l’attentato di Lunedì scorso.

Akayed è l’attentatore New York che ha cercato di farsi esplodere a Time Square nell’ora di punta. Fortunatamente la rustica bomba che aveva con se non ha fatto molto danno brillando. Ha infatti ferito solo 4 persone in maniera lieve. Tra i 4 feriti c’è lo stesso attentatore New York, che ha riportato delle ustioni sul corpo a causa dell’esplosione. Oltre all’incriminazione per terrorismo giunge anche l’accusa di possesso illegale d’arma.

Akayed era un soggetto giudicato non a rischio dalle forze di sicurezza americane. Completamente incensurato, privo di fedina penale. Aveva un lavoro come autista (non risulta chiaro se lavorasse per Uber o per altre compagnie). Era entrato negli USA tramite i programmi di ricongiungimento familiare.

Condanna unanime per l’atto giunge dal governo del Bangladesh e dalla comunità musulmana bengalese della città di New York.

L’attentore New York

Akayed Ullah è un benaglese di 27 anni, giunto nel 2011 in America tramite un programma di ricongiungimento familiare.

Per lui è stato possibile fare ciò in quanto è il nipote di un cittadino americano di origini bengalesi. Il vice-commissario dell’antiterrorismo a New York, John Miller ha precisato che dai device elettronici dell’attentatore è emerso una ispirazione ideale del giovane all’ISIS. Oltre ai siti del noto cartello terroristico e ai video di propaganda, figuravano video e tutorial su come costruire bombe artigianali. Pur avendo egli sempre viaggiato all’estero, gli inquirenti non hanno mai registrato attività sospette.

Da escludersi sarebbe dunque una affiliazione o un contatto diretto del giovane con l’ISIS. Persino la polizia del Bangladesh esclude la possibilità di un contatto diretta tra il giovane e i terroristi. Riporta inoltre l’assoluto anonimato del soggetto a sospetti anche solo lontani per attività illecite.

Il giovane Akayad al momento si trova ricoverato presso il Bellevue Hospital a causa delle ustioni riportate nell’esplosione. Ha spiegato che a spingerlo a un tale gesto sono state motivazioni di vendetta.

Vendetta contro i recenti raid israeliani su Gaza e per i raid americani all’ISIS. L’ambasciatore bengalese a New York ha condannato l’atto del suo giovane concittadino e ha espresso che venga portato innanzi alla giustizia. A chiudere il cerchio sulla testa del giovane tuonano le parole del presidente Trump che invoca per i terroristi la pena di morte. Senza remore.

La bomba

Per costruire la bomba, il giovane bengalese ha adoperato materiali rudimentali e facilmente reperibili. Ha utilizzato del velcro e delle cerniere per tener salda su di sé la cintura esplosiva. Questa è stata realizzata con una batteria da 9 volt, fiammiferi, un cavo di quelli usati per le luci natalizie e un semplice tubo. Agli inquirenti ha spiegato di aver preso il tubo da un cantiere edile presso il quale lavora. Le cose poi che riempivano il tubo (viti e chiodi) le ha separatamente acquistate. Un piano che se fosse riuscito avrebbe fatto veramente danno, ma che fortunatamente è andato in fumo.