Caos Torino, Kelvin parla con Dybala: “Vieni a trovarmi”
Caos Torino, Kelvin parla con Dybala: “Vieni a trovarmi”
Sport

Caos Torino, Kelvin parla con Dybala: “Vieni a trovarmi”

Caos Torino
Caos Torino, Dybala parla con il piccolo Kevin

Caos durante la finale di Champions League a Torino, Dybala ha parlato con il piccolo Kelvin, rimasto ferito durante gli incidenti di Piazza San Carlo.

Caos e feriti durante l’ultima finale di Champions League, tra i coinvolti anche il piccolo Kevin di soli nove anni, raggiunto oggi da una telefonata dell’attaccante bianconero Dybala.

Sono stati momenti drammatici quelli verificatosi durante l’ultima finale di Champions League svoltasi lo scorso 3 giugno e seguita da centinaia di tifosi juventini a Torino in Piazza San Carlo.

Doveva essere una serata di festa, un modo per vivere assieme il possibile triplete della Juventus, una bella serata di sport “collettivo”, ed invece tutto è andato storto, non solo perché gli spagnoli del Real Madrid hanno avuto ampiamente la meglio sulla formazione allenata da Allegri, ma soprattutto perché in Piazza San Carlo a Torino, per motivi che sono ancora in parte da chiarire, si sono verificate vere e proprie scene di panico e caos.

Durante il finale di gara infatti, forse per l’esplosione di qualche petardo e per una reazione esageratamente farcita di panico, un’enorme massa di persone ha cominciato a scappare dalla piazza credendo fosse in corso un attentato.

Scene di panico e caos, nel quale sono state calpestate persone a terra, e nel drammatico report ricostruito dalle forze dell’ordine, alla fine sono state bel oltre 1500 i feriti.

Tra i più gravi Kevin, un bambino di nove anni, per il quale si è temuto il peggio, dal momento che i primi riscontri medici sul piccolo, evidenziavano segni clinici poco incoraggianti sul suo stato di salute.

Fortunatamente invece, il bambino si è ripreso, e dopo essere stato dichiarato fuori pericolo, per lui saranno solo questioni di ore, e poi potrà finalmente lasciare il nosocomio che lo ha ospitato e curato da quella terribile notte di giugno.

A rendere la disavventura del piccolo Kevin un po’ meno amara, il fatto che come da lui desiderato, è riuscito a parlare con il suo idolo, l’attaccante juventino di origini argentini Paulo Dybala.

Il giovane attaccante della Juventus si è intrattenuto con il suo piccolo tifoso per telefono con una videochiamata. Un momento di serenità e gioia per Kevin, il quale ha ritrovato in fretta il sorriso dopo i drammatici momenti vissuti in Piazza San Carlo.

Per quello che se ne sa, Kevin ha ricevuto una maglietta proprio di Dybala, consegnatagli da un responsabile della prima squadra bianconera.

Possiamo soltanto immaginare la gioia vissuta dal bambino davanti al prezioso dono.

Inoltre Kevin parlando con Dybala, gli ha chiesto quando si sarebbero potuti incontrare, perché in questo modo, hanno scherzato i due al telefono, il campione juventino potrà dare qualche consiglio a Kevin anche lui amante del calcio.

Il bambino infatti gioca a calcio con la maglia della Polisportiva Garino, squadra dilettantistica ovviamente. I genitori del bambino hanno inoltre chiarito ai media presenti, che la dimissione del figlio è ormai vicina, così che Kevin potrà tornare a giocare con i compagni.

Fin da subito, va ricordato, gli ultrà avevano esposto fuori dall’ospedale, uno striscione proprio per incoraggiare tanto Kevin quanto gli altri tifosi rimasti feriti durante la notte del 3 giugno scorso.

Proprio questo incidente, per altro, ha portato alla individuazione di nuove regole in caso di raccoglimenti pubblici, così come avvenuto durante la finale di Champions League. Nuove regole ovviamente, che hanno per obiettivo la prevenzione di ulteriori incidenti durante queste manifestazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche