Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Maturità 2019: cosa si può portare agli scritti
Cronaca

Maturità 2019: cosa si può portare agli scritti

Mercoledì 19 Giugno 2019 avrà inizio la maturità. Gli studenti non dovranno dimenticarsi assolutamente queste cose per affrontarla al meglio.

Manca sempre meno all’esame di Stato del 2019, i maturandi oltre all’intero programma si domandano sempre più spesso cosa inserire nello zaino in vista degli scritti. Ecco cosa non dovrà mancare.

Tanto studio ma non solo

La maturità 2019 avrà inizio Mercoledì 19 Giugno. Gli esami scritti saranno suddivisi per la prima volta solo in due macro fazioni: prima e seconda prova. La prima consiste in un elaborato scritto, un tema. I maturandi dovranno scegliere tra una delle 7 tracce possibili ed avranno a disposizione sei ore per completare il testo. In sede d’esame saranno ammessi anche vocabolario della lingua italiana e vocabolario di sinonimi e contrari. Da non dimenticare inoltre, la carta d’identità per il riconoscimento dello studente.

Differente il contesto della seconda prova, che si differenzia in base all’istituto e il corso di studi scelto: le tracce, anche in questo caso vengono stabilite dal Miur, ma cambiano a seconda del percorso di studi scolastico.

Tutti i maturandi anche in quest’occasione dovranno portare con sé la carta d’identità. Per gli studenti del liceo classico, linguistico e delle scienze umane è obbligatorio il vocabolario, nel primo caso di latino e greco, di lingua straniera per il linguistico. Nel caso delle scienze sociali si tratta ancora una volta di un vocabolario in lingua italiana. Discorso differente per il liceo scientifico dove bisognerà portare la calcolatrice: vanno bene tutti i tipi, unica eccezione quella programmabile. Per gli studenti del liceo musicale si dovrà portare con sé lo strumento oggetto della seconda prova. Per il liceo artistico da non sottovalutare gli strumenti tecnici per il disegno. Per quanto riguarda gli istituti tecnici, in alcuni corsi di studio è necessario avere il codice civile per un corretto svolgimento della seconda prova.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche