Un uomo di 52 anni abusa di un ragazzino conosciuto su Grindr
Cronaca

Un uomo di 52 anni abusa di un ragazzino conosciuto su Grindr

grindr
grindr

Tramite L'app per incontri gay Grindr, il 52enne aveva conosciuto il 13enne: l'uomo acquistava regali costosi in cambio di rapporti sessuali.

Un’amicizia particolare e insana, nata grazie all’applicazione di incontri per gay Grindr. Così un 13enne è finito nel mirino di un autista di autobus per il trasporto dei disabili di 52 anni. L’uomo, infatti, avrebbe comprato costosi regali al ragazzino in cambio di rapporti sessuali. Il padre della vittima, però, si è insospettito dei presenti e ha cominciato a indagare. Rivolgendosi alla Polizia Postale ha fatto arrestare il 52enne con l’accusa di abuso sessuale di minore.

Un’amicizia su Grindr

Grazie all’applicazione per incontri gay Grindr, un ragazzino di 13 anni aveva conosciuto un uomo di 52. Tra loro era nata un’amicizia speciale: l’autista di bus regalava presenti costosi al giovane in cambio di rapporti sessuali. Ma questo scambio è durato ben poco. infatti, il padre del 13enne, insospettito dai regali frequenti, ha contattato la Polizia Postale: era riuscito a recuperare alcuni messaggi dal telefonino del figlio. Tra i vari testi aveva scovato qualcosa di interessante: numerose conversazioni tra i due erano a sfondo sessuale.

Così, avviate le indagini, la polizia ha perquisito il 52enne. Con il materiale recuperato, inoltre, ha ricostruito lo scambio di messaggi avvenuto tra i due “amici”. Il rapporto dell’adulto con il minore vantava numerosi rapporti sessuali, come denunciato dal padre del 13enne. Il 52enne è stato quindi sottoposto a processo con le accuse di atto sessuale contro minore. Inoltre, il Pubblico ministero ha chiesto al giudice per le indagini preliminari l’emissione di custodia cautelare e gli arresti domiciliari.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.