×

Il coronavirus ferma la fecondazione assistita: 4500 nascite in meno

Condividi su Facebook

Stop alla fecondazione assistita almeno fino a maggio a causa del coronavirus: si prevedono 4500 nascite in meno.

Coronavirus stop fecondazione assistita

L’Italia è stata duramente colpita dall’emergenza coronavirus: tra le conseguenze del lockdown si conta anche lo stop alla fecondazione assistita. La sospensione dei cicli è scattata a marzo ed è ipotizzabile pensare che si protrarrà fino a maggio con seguente drastico calo tassi di natalità, già bassi nel nostro Paese. I numeri dell’ultima Relazione sulla Procreazione medicalmente assistita presentata dal Ministro della Salute al Parlamento parlano chiaro: in un anno in Italia sono stati eseguiti 97.888 trattamenti riproduttivi su 78.366 coppie, con la nascita di 13.973 bambini (ultimi dati disponibili, relativi al 2017).

Per il ginecologo Antonino Guglielmino, presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana (Siru), “mantenere questi numeri sembra molto difficile visto il prolungarsi della pandemia nel periodo primaverile, il più gettonato per accedere ai trattamenti”. É stato stimato che la sospensione fino a maggio corrisponderà “a 30.000-35.000 cicli riproduttivi assistiti che non verranno effettuati, con una perdita stimata di 4.000-4.500 bambini che sarebbero nati“.

Coronavirus, stop alla fecondazione assistita

La rapida diffusione del coronavirus in Italia, unita alla poca conoscenza del malattia stessa, aveva spinto la Società della riproduzione a sospendere i nuovi trattamenti, pur completando quelli già in corso.


Siru ha deciso poi di attivare ben due task-force: una composta da infettivologi ed esperti di medicina della riproduzione e l’altra da psicologi e psicoterapeuti.

Se i primi si occupano di studiare il Covid-19, cercando di capire come questo possa comportarsi nei casi di donne incinta e dei loro bambini, i secondi svolgono un ruolo altrettanto importante in quanto assistono telefonicamente e in maniera gratuita le molte coppie infertili che desiderano avere figli e sono state costrette ad aspettare il superamento di questa emergenza. Inoltre, sostiene sempre Guglielmino, “stiamo rispondendo alle preoccupazioni e ai dubbi di tante donne con gravidanze in fase iniziale. E ci stiamo preparando a una lenta ripresa dell’attività assistenziale nella prospettiva di convivenza con il virus”.

Nato a Latina il 23/03/1991, é laureato in Economia e Marketing presso l'Università La Sapienza di Roma. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con diverse testate tra cui TGcom24 e IlGiornaleOff. Lavora come speaker a Radio Rock.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
la vise non è mai stata persecutrice testimonio io

peccato, con tutti questi morti le nascite erano importante…


Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina il 23/03/1991, é laureato in Economia e Marketing presso l'Università La Sapienza di Roma. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con diverse testate tra cui TGcom24 e IlGiornaleOff. Lavora come speaker a Radio Rock.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.