×

Napoli, file ai sushi bar prima di entrare in zona rossa

Condividi su Facebook

Folla dinanzi ai locali prima dell'imminente lockdown.

Sushi bar

Folla e file dinanzi ai sushi bar (e altri locali) di Napoli prima di entrare nella zona rossa. La fine della “normalità” è imminente in Campania dopo che la regione è passata da zona gialla a zona rossa. Ricordiamo come il nuovo status quo partirà ufficialmente il 14 novembre alle 23:59.

Il lockdown per la Campania dovrebbe durare fino al prossimo 29 novembre. Il condizionale è d’obbligo, in quanto non sono escluse eventuali proroghe. Proprio per questo, approfittando anche del tempo che lo permetteva, molti napoletani hanno deciso di trascorrere fuori l’ultimo giorno pre-lockdown in locali di intrattenimento e/o dediti alla ristorazione.

File per il sushi a Napoli

A Fuorigrotta si segnala folla dinanzi ai locali di cucina cinese e giapponese (sushi bar) mentre sul Lungomare sembrano essere più apprezzate le pizzerie e i ristoranti di pesce.

File comunque contenute, dato che non siamo ai livelli di quanto visto domenica 8 novembre. Scene che in quel caso avevano suscitato l’ira di molti, soprattutto dei medici, che si sono visti costretti a visitare i loro pazienti in auto fuori dal Cotugno.

Seconda ondata da prendere con coscienza

Sembra esserci una certa consapevolezza circa il bisogno di regole severe affinché non si aggravi il numero di contagiati da coronavirus in Campania.

La regione, così come l’intera Italia, sta affrontando una seconda ondata, oramai divenuta reale a tutti gli effetti. Le zone più frequentate al Vomero sono state via Scarlatti e piazzetta Fuga, rappresentanti il cuore della movida del quartiere.

Nato a Capua il 4 Agosto 1988, si è laureato in Filologia classica e moderna ed è iscritto all'Ordine dei giornalisti di Napoli. Collabora con diverse testate giornalistiche online, tra cui Blasting News e Scuolainforma.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Della Corte

Nato a Capua il 4 Agosto 1988, si è laureato in Filologia classica e moderna ed è iscritto all'Ordine dei giornalisti di Napoli. Collabora con diverse testate giornalistiche online, tra cui Blasting News e Scuolainforma.

Leggi anche

Contents.media