> > Esplosione in una fabbrica di vernici a Poiano: operaio morto tra le fiamme

Esplosione in una fabbrica di vernici a Poiano: operaio morto tra le fiamme

Esplosione fabbrica vernici Poiano

Un uomo è morto in seguito ad un'esplosione verificatasi in una fabbrica di vernici a Poiano: salvi gli altri dipendenti della ditta.

Tragedia a Poiano, alle porte di Verona, dove nel pomeriggio di martedì 1 marzo 2022 si è verificata un’esplosione in una fabbrica di vernici.

Un operaio, che risultava inizialmente disperso, è stato trovato morto dai soccorritori. Tutti gli altri dipendenti del colorificio, circa una cinquantina, sono riusciti a mettersi in salvo e a uscire dall’edificio.

Esplosione in una fabbrica di vernici a Poiano

I fatti si sono verificati presso la ditta Casati di Quinto. Secondo quanto ricostruito, per cause ancora da accertare all’interno della struttura si è verificata un’esplosione con conseguente incendio, il che ha fatto subito scattare l’allarme e fatto uscire i dipendenti.

All’appello ne mancava però uno, che i colleghi avevano incontrato la mattina al lavoro ma che dopo l’evacuazione nessuno aveva visto.

I soccorritori lo hanno cercato sperando di trovarlo vivo, ma una volta entrati nell’edificio hanno rinvenuto il suo corpo senza vita. L’uomo non sarebbe infatti riuscito ad uscire in tempo e sarebbe morto carbonizzato a causa delle fiamme.

Il sindaco: “Tenere chiuse le finestre”

I Vigili del Fuoco hanno lavorato ore per spegnere l’incendio e mettere in sicurezza la zona aiutati dalla Polizia Locale che ha chiuso al traffico il tratto tra Poiano e Quinto.

Data la quantità e l’entità dei fumi sparsi nella città dopo i fatti, il sindaco di Verona Federico Sboarina ha emanato un’ordinanza con l’obbligo di tenere chiuse le finestre entro un km dalla frazione. “In via precauzionale, e in attesa delle analisi Arpav, l’indicazione vale anche per le zone limitrofe oltre al chilometro”, ha aggiunto.