Philadelphia, fattorino pizza ucciso durante la consegna | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Philadelphia, fattorino pizza ucciso durante la consegna
Esteri

Philadelphia, fattorino pizza ucciso durante la consegna

fattorino pizza ucciso philadelphia

Doveva semplicemente consegnare una pizza: un fattorino di Philadelphia è morto, ucciso da un proiettile che lo ha colpito in pieno petto.

Una tragedia senza senso, una morte assurda. Bobby Jenkins, 30 anni, è andato a consegnare la pizza come da ordine ricevuto. Giunto all’abitazione, è stato derubato e ucciso: qualcuno gli ha sparato al petto con una 9 mm. E’ successo a Philadelphia, Stati Uniti d’America.

Le indagini per trovare il sospettato (o i sospettati, al momento non viene esclusa nessuna pista) sono già iniziate. Il Capo della Polizia di Philadelphia, Jason Smith, ha dichiarato: “sappiamo che questi agguanti tendono a verificarsi seguendo uno schema. I criminali ci provano una volta e poi continuano a commetterli”.

La casa è risultata disabitata

Un cugino della vittima ha spiegato come Bobby Jenkis aveva iniziato da poco a lavorare come fattorino presso la pizzeria Stacy’s Pizza. Lo aveva fatto solo per guadagnare del denaro extra per riuscire a dare vita ad una sua attività. L’ordine a cui aveva risposto Jenkis, verso le 19, proveniva da una casa situata a West Philadelphia.

La polizia ha scoperto che quella casa, in realtà, risultava disabitata: sul retro hanno trovato una porta con segni di scasso. Questo rafforza l’idea che dietro l’omicidio ci sia stata una premeditazione. E’ ancora presto per affermare che l’agguato era rivolto espressamente verso il ragazzo: probabilmente è capitato lì per caso.

Jason Smith ha invitato i ristoranti e le altre pizzerie ad essere cauti, nel momento in cui ricevono ordini da numeri di telefono a cui non hanno mai consegnato in passato. “Il mio cuore va alla famiglia e ai cari di Mr. Jenkins – ha detto Smith- Questa è veramente una tragedia insensata”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche