×

Covid, lockdown in Irlanda e massime restrizioni fino a dicembre 2020

Condividi su Facebook

L'Irlanda è in lockdown per il Covid, il Governo ha deciso che le restrizioni massime dovranno rimanere in vigore fino a inizio dicembre 2020.

Lockdown in Irlanda per il Covid

Lockdown per Covid in Irlanda, i ministri del governo hanno firmato le carte che decretano l’allerta nazionale di livello 5, con restrizioni massime in vigore fino all’inizio di dicembre 2020 e che verranno applicate dalla mezzanotte di mercoledì 21 ottobre.

Lo ha dichiarato il primo ministro Michael Martin con un discorso alla Nazione: “A tutti gli abitanti del Paese viene chiesto di rimanere a casa”, ha dichiarato. 

Covid, lockdown in Irlanda

Le scuole irlandesi rimarranno però aperte, proseguiranno gli sport più noti a livello nazionale come corse con i cavalli e football gaelico. Non si ferma neanche l’edilizia e i lavoratori ritenuti essenziali, come chi svolge mansioni in pub, ristoranti e caffé, che però potranno offrire solo servizio di consegna al domicilio e takeaway. Tutti gli altri dovranno proseguire con il lavoro tramite smart working, ove possibile ma il Governo sta pensando di consentire ad alcuni negozi, ritenuti non essenziali, di aprire in formula click-and-collect, ovvero ritiro merce dopo l’acquisto online.

Maggiori restrizioni per il Covid

Per quanto riguarda i matrimoni, sono concessi sino a 25 invitati mentre ai funerali la soglia di tolleranza scende a 10, tutto questo fino a quasi la fine dell’anno. “Lo stiamo comunicando per preparare la popolazione, non è ancora definitiva la data in cui terminerà il lockdown”, ha dichiarato il ministro dei Trasporti Eamon Ryan. La decisione deriva dall’impennata di contagi da Covid che ha afflitto l’Irlanda di recente.

Nella giornata di oggi, 20 ottobre 2020, si sono registrati 1.031 nuovi casi senza però ulteriori decessi. Salgono quindi a 50.993 i positivi totali con 1.852 morti.

Oms: “Picco per errori in lockdown”

Il direttore per le emergenze dell’Oms, Michael Ryan, sostiene che il picco europeo del Covid si stia verificando per contatti con contagiati e quarantena troppo breve. “Chi ha avuto contatti con un contagiato non ha fatto isolamento, ha dichiarato, “Non è accaduto ovunque e in modo sistematico ma sono convinto che sia la principale ragione per la quale stiamo vedendo dei numeri così alti”.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.

Leggi anche

Impianti sci Europa
Esteri

Sci, gli impianti aperti in Europa

25 Novembre 2020
Impianti sciistici aperti o chiusi in vista del Natale? Come al solito manca in Europa un accordo condiviso che invece sarebbe necessario
Contents.media