> > Funivia Stresa-Mottarone, il legale di Tadini chiede la perizia su freni e fune

Funivia Stresa-Mottarone, il legale di Tadini chiede la perizia su freni e fune

funivia Stresa-Mottarone Tadini perizia

Il capo servizio della funivia, Gabriele Tadini, chiede incidente probatorio per "evitare l'eventuale compromissione della formazione della prova".

Quattordici persone hanno perso la vita nella tragedia della funivia Stresa-Mottarone. Per non rinunciare a una giornata di incassi si è preferito non chiudere l’impianto. Complice la bella stagione e le riaperture della zona gialla, moltissime persone hanno ammirato quello scorcio incantevole del lago Maggiore, rischiando la vita a ogni corsa verso il Mottarone Si è preferita la mancata manutenzione, sebbene i problemi fossero evidenti. L’abbraccio vitale e avvolgente del papà di Eitan lo ha salvato e ora l’Italia intera si stringe a lui, che finalmente sta meglio.

Ma fatica a placarsi la rabbia per l’ingiustizia che ha portato alla morte le altre quattordici persone presenti nella cabina precipitata. Il capo servizio della funivia Stresa-Mottarone, Gabriele Tadini, è agli arresti domiciliari e tramite il suo avvocato chiede una perizia su fune, impianto frenante e centralina dello stesso impianto.

Funivia Stresa-Mottarone, Tadini chiede la perizia su freni, fune e centralina dell’impianto

La Procura di Verbania ha parlato di “sconsiderata condotta e spregio delle regole di sicurezza”.

Intanto il capo servizio della funivia, Gabriele Tadini, chiede al gip Donatella Banci Buonamici un incidente probatorio sulla fune, sull’impianto frenante e sulla centralina per accertare le cause dell’accaduto.

Attraverso l’avvocato Marcello Perillo, Tadini chiede una perizia “al fine di evitare l’eventuale compromissione della formazione della prova.

Funivia Stresa-Mottarone, Tadini chiede la perizia: i motivi

Negli oltre dieci giorni trascorsi dalla tragedia del Mottarone, sono entrate in diretto contatto con la carcassa della funivia e con i rottami anche persone non direttamente coinvolte con le indagini, avendo il caso una ripercussione mediatica evidente ed essendo un luogo posto all’aperto e sottoposto agli agenti atmosferici, dichiara il legale di Tadini.

Il capo servizio della funivia del Mottarone chiede la perizia sulla fune, “in particolare la tipologia e le cause del cedimento della fune traente, causa primaria della caduta della funivia”, ma anche una “perizia sull’impianto frenante e sulla centralina dello stesso, nonché sulle cause del mancato azionamento dello stesso”.

Funivia Stresa-Mottarone, Tadini vuole la perizia: le parole del suo avvocato

Nella richiesta di Tadini e del suo difensore, tali elementi vengono definiti “determinanti per pervenire alla decisione dibattimentale, in quanto serviranno a definire il determinismo casuale dell’evento”.

Il luogo in cui si trova la cabina e la deperibilità degli elementi impongono di intervenire con rapidità e senza aspettare l’eventuale processo, sottolinea l’avvocato di Tadini. Agire tempestivamente per il legale Perillo è importante , in quanto le “modificazioni che potrebbero intervenire sulla prova da assumere determinerebbero l’impossibilità materiale di compiere l’atto stesso o ne potrebbe derivare un’alterazione tale per cui possa ritenersi pregiudicato il risultato delle operazioni”.

Dopo le considerazioni della Procura, sarà il gip a sbilanciarsi sulla richiesta avanzata da Tadini. Il suo consulente tecnico, l’ingegnere Andrea Gruttadauria, sostiene che “tale degrado, associabile a fenomeni corrosivi, implica dissoluzione chimica di tali superfici, formazione di prodotti di corrosione con conseguente modifica della morfologia delle superfici di frattura e quindi perdita di dettagli utili alla comprensione del cedimento. Questo può rendere quindi difficoltoso la determinazione delle reali cause del cedimento della fune”.