×

Green pass falsi, rubate le chiavi per generare i QR Code: molti certificati saranno annullati

Non è ancora noto quanti Green Pass falsi saranno annullati e se il problema riguarderà anche l'Italia

Green Pass falsi

I Green Pass generati dalle chiavi rubate saranno annullati anche se non è ancora noto il numero di quelli falsi. Tra le farse certificazioni verdi in circolazione ci sarebbero anche le due a nome di Hitler che circolano su Telegram

Green Pass falsi: rubate le chiavi per generarli

Mentre trapela l’ipotesi di una proroga dell’obbligo di Green Pass sul lavoro fino a marzo 2022, un’altra notizia bomba ha per protagonista la certificazione verde. In questo caso però non si tratta di una notizia che riguarda solo l’Italia ma tutta Europa.

Alcune chiavi che consentono la generazione del Green pass europeo sarebbero state sottratte e con quelle sarebbero stati pubblicati e diffusi in rete programmi per creare certificati falsi.

Questa l’incredibile falla nel sistema riportata oggi da alcuni giornali come Open e Il Messaggero citando “fonti qualificate italiane”.

Green Pass falsi, il furto non riguarderebbe la Sogei

Dalle poche notizie che trapelano, al momento non risulterebbero attacchi informatici alla Sogei, la società del ministero dell’Economia che fornisce i codici per il nostro Paese per generare i certificati verdi. Quindi, la fuga dei dati è avvenuta presumibilmente da una società simile a quella italiana in un altro paese europeo.

Non si sa ancora quantificare l’entità del danno, in quanto tutti i codici emessi da quella chiave saranno annullati. E non è ancora noto se il problema riguarderà anche il nostro paese.

Tra i Green Pass falsi anche quelli intestati a Hitler

Sempre in base a quanto riportato dai giornali già citati, sarebbero in programma una serie di riunioni a livello europeo tra tutti i soggetti tecnici interessati per un’analisi approfondita della situazione e la strategia da porre in atto.

Inoltre tra questi Green Pass falsi generati dalle chiavi rubate , ci sarebbero anche i due Green Pass falsi a nome di Hitler diffusi sui gruppi Telegram ed entrambi funzionanti.

Contents.media
Ultima ora