×

Il flop dell’inglese potenziato

default featured image 3 1200x900 768x576

L’inglese potenziato era stato proposto nel 2005 dall’allora ministro Letizia Moratti.
Si tratta di fare cinque ore settimanale di inglese nella scuola media anziché tre, rinunciando a due ore della seconda lingua comunitaria.
La proposta in sé è interessante, visto che l’inglese è importante, bisogna farlo bene.

Però, ad oggi l’inglese potenziato è praticato solo da 10 000 alunni, lo 0,66% del totale, e nella circolare del ministero dello scorso 30 dicembre non c’è alcun riferimento a questo argomento.
Perché così pochi alunni, se lo scopo dell’iniziativa è valido e comprovato?
Quello dell’inglese depotenziato, è stato un percorso ad ostacoli.
Il Decreto Moratti è stato congelato durante il governo Prodi, riproposto dalla Gelmini nel 2008, ma bloccato da una sentenza del Tar.

Fin qui, solo ostacoli politico-legislativi.
Ci sono anche dei problemi burocratici per i presidi che pensano di introdurre l’inglese potenziato nelle loro scuole.
A febbraio, al momento delle iscrizioni, non si sa ancora se a settembre ci saranno gli insegnanti per poter attuare l’inglese potenziato.
Nei moduli d’iscrizione i genitori trovano da barrare la casella dell’inglese potenziato, ma tale scelta è subordinata “all’esistenza delle condizioni di organico e organizzative della scuola”.

C’è anche un problema di etica professionale, l’inglese potenziato sottrae lavoro agli insegnanti di francese, spagnolo e tedesco.
Allora aggiungiamo due ore di inglese senza togliere ore a nessuno.
Bene, ma deve pagare la scuola.
La scuola non ha i soldi per coprire il necessario, figuriamoci per il resto.
Bisogna avere la fortuna di trovare un insegnante di inglese con due ore scoperte.
Ma gli organici vengono definiti solo a luglio.
Come se non bastasse, è in atto una diatriba pedagogica tra chi sostiene che imparare due lingue anziché una sviluppa la mente, e chi dice che è meglio approfondire l’inglese, tanto in due ore settimanali di un’altra lingua si riesce a dare solo un’infarinatura.
In ogni caso, meglio poter scegliere, no?

Fonti:
http://irpinianelmondo.wordpress.com/2009/01/15/scuola-circolare-ministeriale-2009-2010-iscrizioni-maestro-unico-orario-settimanale-e-inglese/
http://www.news-impianti.com/notizia/437/15/scuola-piu-inglese-e-voti-in-decimi
http://nikitaitaly.wordpress.com/2009/01/16/scuola-la-circolare-ministeriale-2009-2010-iscrizioni-maestro-unico-orario-settimanale-e-inglese/
http://scuolaguareschi.wordpress.com/2009/01/26/inglese-potenziato-o-seconda-lingua/
http://beataignoranza.wordpress.com/2009/04/28/inglese-potenziato-il-tar-dice-no/
http://www.manuelaghizzoni.it/?p=3506
http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/scuola/grubrica.asp?ID_blog=60&ID_articolo=1077&ID_sezione=255&sezione
http://www.flcgil.it/scuola/stop-all-inglese-potenziato-nella-scuola-media-il-ministero-costretto-a-non-procedere.flc
http://scuolamagazine.it/2009/06/30/stop-all%E2%80%99inglese-potenziato-nella-scuola-media-il-ministero-costretto-a-non-procedere/
http://www.notiziedellascuola.it/news/inglese-201cpotenziato201d-il-si-del-consiglio-di-stato
http://osp.provincia.pisa.it/primo_piano.asp?ID_PrimoPiano=1169
http://www.repubblica.it/scuola/2010/01/19/news/inglese_scuola_media-2005300/
http://www.orizzontescuola.it/node/2690
Repubblica 04.01.2011
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/01/04/medie-inglese-non-decolla-solo-il.html
http://www.iljournal.it/2011/che-fine-ha-fatto-l%E2%80%99inglese-potenziato-nelle-scuole-medie/
http://www.tuttoscuola.com/cgi-local/disp.cgi?ID=24679
http://www.ilsussidiario.net/News/RassegnaStampa/2011/1/4/LA-REPUBBLICA-L-inglese-potenziato-Finora-e-un-flop/138827/
http://www.insegnoinglese.blogscuola.it/?p=1120#more-1120
http://laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2011/01/07/news/meno-inglese-ora-lo-dice-il-ministero-3111424
http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2011-01-17/inglese-scuola-potenziato-anzi-084955.shtml?uuid=Aa75dU0C
Corriere della Sera 22.01.2011

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora