×

Luca Onestini mostra la vitiligine: “Non c’è nulla da nascondere”

Condividi su Facebook

Luca Onestini ha mostrato i segni della vitiligine sulla sua pelle e ha spiegato come avrebbe fatto ad accettarsi.

LucaOnestinivitiligine
LucaOnestinivitiligine

Nella giornata mondiale dedicata alla vitiligine Luca Onestini ha raccontato di essere affetto da questa malattia della pelle e ha parlato di come avrebbe fatto ad accettarla.

Luca Onestini: la vitiligine

La vitiligine è una malattia cronica della pelle piuttosto diffusa (ne soffrono anche altre celebrities, come Kasia Smutniak).

Nella giornata mondiale dedicata a questo problema Luca Onestini ha spiegato come avrebbe imparato ad accettarlo, e ha mostrato le chiazze bianche sulle sue gambe affermando che “non c’è nulla da nascondere”. L’ex gieffino non ha mai fatto segreto di soffrire di vitiligine, e ha spiegato che considererebbe queste macchie come “dei tatuaggi molto speciali”. “I miei tatuaggi non li ho scelti io, non sono marcatamente definiti e si modificano nel tempo cambiando nella forma a loro piacimento”, ha affermato.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Luca Onestini (@lucaonestini_11) in data: 25 Giu 2020 alle ore 3:47 PDT


Anche Kasia Smutniak ha recentemente parlato della malattia rendendo pubblico un filtro social che permetterebbe di simulare l’effetto della vitiligine sulla pelle. L’attrice aveva annunciato di soffrire di vitiligine un anno prima, e aveva condiviso per la prima volta uno scatto con le chiazze bianche tipiche di questa malattia sulle mani e sul viso.

Anche lei ha affermato di aver imparato ad accettare la propria pelle e il proprio corpo nonostante questo disturbo possa far sentire le persone “diverse” o “discriminate”. In tanti si sono uniti al coro dei due vip affermando quanto sia importante accettare anche problematiche della pelle di questo tipo e la bellezza della diversità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.