> > “Neg** di merd* ti sbianco io”: calciatore piemontese squalificato per 14...

“Neg** di merd* ti sbianco io”: calciatore piemontese squalificato per 14 giornate

Per un giovane calciatore 14 giornate di squalifica

“Neg** di merd* ti sbianco io”: calciatore piemontese squalificato per 14 giornate, la squadra del Calcio Leinì invia le scuse e si dissocia dall'accaduto

“Neg** di merd* ti sbianco io”: calciatore piemontese squalificato per 14 giornate per aver pronunciato queste orribili parole e dopo quegli insulti razzisti il ragazzo avrebbe messo in atto anche un’aggressione con la reazione dell’avversario in campo, squalificato anche lui ma per due giornate.

La durissima sanzione è stata inflitta, come spiega Fanpage, dal giudice sportivo “a Stefano Letizia, calciatore del Leinì, per i pugni, i calci e gli insulti razzisti rivolti a un avversario, l’africano Tshibangu Mukenga Jonathan, giocatore de La Romanese”. 

Calciatore squalificato per 14 giornate

Tutto sarebbe accaduto domenica scorsa: i due erano venuti a contatto durante una partita del campionato della seconda categoria piemontese e quel normale scontro è “degenerato a pochi metri di distanza dall’arbitro”.

Il direttore di gara ha espulso Letizia ed ha stilato una dettagliata relazione per il giudice sportivo. Cosa diceva quell’atto?  “Letizia ha rivolto nei confronti dell’avversario Tshibangu Mukenga Jonathan una frase di chiaro ed inequivocabile contenuto discriminatorio“.  Quale? “Sei un negro di mer**, ti sbianco io”. 

La relazione dell’arbitro al giudice sportivo

E poi “lo ha colpito con due pugni al volto ed un calcio al fianco.

Si apprezzano le scuse rivolte al termine della gara dal capitano della società Leinì Calcio, ossia Alberto Massa, e dal vicepresidente della stessa società al giocatore vittima di tali inaccettabili condotte”. A fare fede anche una “dichiarazione fatta pervenire presso gli Uffici del C.R. Piemonte e VdA dal presidente del Calcio Leinì, con la quale la società si è dissociata dal comportamento del tesserato”. La gravità ovviamente è restata tutta in capo al calciatore, che è incappato nella decisione esemplare.