×

Non ha il preservativo e utilizza la colla: trovato morto dopo il rapporto sessuale

Escamotage fatale per un uomo indiano

Non ha il preservativo e, reso da una botta di inventiva, utilizza la colla: inventiva fatale, dato che è stato trovato morto dopo il rapporto sessuale. Disavventura mortale per un 25enne indiano che aveva escogitato quella “soluzione” per un po’ di intimità, una intimità che, non necessariamente in concausa ma di certo trovata con una soluzione non ideale, ha preceduto la sua morte.

Non ha il preservativo, utilizza la colla adesiva per “sigillare”: 25enne morto

C’è chi con i preservativi ci vince un un oro olimpico e chi senza invece ci muore, come purtroppo accaduto al povero “Mc Giver” indiano in vena di soluzioni abborracciate. È andata così, secondo quanto narrato dal Times of India: il 22 giugno scorso l’uomo, in mancanza di preservativo e per scongiurare una gravidanza per la fidanzata, si è protetto con l’unica cosa che aveva con sé in quel momento: una potente colla adesiva.

Proprio con quella il 25enne si è sigillato il pene

Utilizza la colla perché senza preservativo: forse morto anche per quella scelta

Il 25enne, residente nella popolosa città di di Ahmedabad, nello stato federato del Gujarat, aveva però evidentemente già problemi seri di salute che magari la sua “botta di genio” ha incentivato. Non è necessario spiegare cosa dovesse accadere ad una persona che in tempi brevi non si libera delle tossine e dell’ammoniaca che “passano” per la strada che l’uomo aveva bloccato.

Senza preservativo è morto dopo aver utilizzato della colla: il verbale della polizia

Sta di fatto che il ragazzo è stato trovato morto fuori da un albergo poco dopo il rapporto sessuale con la fidanzata. Secondo una inchiesta della polizia locale un legame fra “genialata” e decesso potrebbe esserci stato e come. Ecco uno stralcio del verbale: “Diversi testimoni hanno affermato che Mirza insieme alla sua ex fidanzata, entrambi tossicodipendenti, era andato in un hotel a Juhapura.

Lì, hanno applicato un adesivo epossidico sulle sue parti intime poiché non avevano alcuna protezione”.

Contents.media
Ultima ora