×

Polemiche fermano il reality sull’autopsia di Michael Jackson in onda giorno 13

default featured image 3 1200x900 768x576
mj discovery campagna pubblicitaria

What Really Killed Michael Jackson? Doveva chiamarsi così il documentario che la BBC avrebbe dovuto mandare in onda il prossimo 13 Gennaio. Condizionale d’obbligo date le circostanze. Pare infatti che il reality show sull’autopsia del cadavere del defunto re del pop (avete letto bene) sia stato cancellato dal palinsesto di Discovery Channel proprio oggi. Brutto colpo per il network che aveva già raccolto cospicui investimenti pubblicitari grazie all’asso pigliatutto Jacko.

Dopo le polemiche dei fan e le manifestazioni che avevano costretto Discovery channel a rimandare la messa in onda del programma (buon per loro, l’attesa, si sa, aumenta l’attenzione mediatica) la conferma della sospensione è arrivata dagli esecutori testamentari del cantante che si erano mobilitati contro il network già il 30 dicembre scorso, chiedendo la cancellazione del programma, giudicandolo “insensibile” e “di cattivo gusto”. Soddisfatta la Michael Jackson Estate, fondazione che si occupa dell’ “universo” Michael Jackson dal giorno della sua morte.

L’amministratore delegato della rete aveva inoltre ricevuto una lettera dall’avvocato della Jackson Estate in cui si evidenziavano la mancanza di sensibilità verso la famiglia del defunto cantante e la immorale intenzione di speculare economicamente su un evento così drammatico. Lo show, di per se discutibile per i contenuti, aveva già scioccato la platea mondiale prima ancora della messa in onda a causa del manifesto pubblicitario che ritraeva un cadavere coperto da un lenzuolo bianco con indosso il caratteristico guanto di Michael Jackson (!)

La messa in onda, guarda caso, sarebbe coincisa tra l’altro con il processo in aula di Conrad Murray, ex medico di fiducia della star, indagato per omicidio colposo.

Voci di corridoio però, mormorano un possibile nuovo “colpo di coda” della Discovery che non intende rinunciare allo show.
Ci asteniamo dal commento ma promettiamo aggiornamenti.

Contents.media
Ultima ora