×

Matteo Salvini: “L’aggressione al sindaco di Massa è nazismo rosso”

Impossibile restare impassibili di fronte all'aggressione del sindaco di Massa Carrara: Matteo Salvini accusa la sinistra di "nazismo rosso".

matteo salvini opposizione

Francesco Persiani, il sindaco di Massa, è stato aggredito sabato scorso durante una manifestazione a Firenze: Matteo Salvini ha commentato l’accaduto. Il leader leghista ritiene che l’aggressione al primo cittadino sia da considerarsi “nazismo rosso” e su Twitter lancia il suo attacco alle altre forze politiche.

“Quando una certa parte della sinistra non ha fiducia nella democrazia – esordisce Matteo Salvini – ricorre all’odio e alla violenza fisica“. “Ieri sono andato a Firenze – ha raccontato l’ex vicepremier – un nostro sindaco in compagnia di tre donne è stato preso a calci e sputi da qualche antagonista dei centri sociali. Io li manderei qua in montagna da voi a lavorare per qualche mese”. Poi, chiudendo il messaggio constata che “questo non è dibattito di idee” ma “è nazismo rosso“.


Salvini, aggressione sindaco di Massa

“Ancora solidarietà al nostro sindaco, all’assessore e ai loro famigliari vigliaccamente aggrediti (non solo a sputi) a Firenze” aggiunge Matteo Salvini su Twitter.

Il racconto di come Francesco Persiani sia stato aggredito fa rabbrividire. Ma il leghista prosegue dicendo: “Noi andiamo avanti a testa alta, armati di sorriso e di fiducia nei nostri progetti di Buongoverno per l’Emilia-Romagna, la Toscana e per tutta Italia. Non si molla, per il bene del nostro Paese e dei nostri figli”. L’aggressione a Persiani è stata filmata e pubblicata dallo stesso Salvini sui social.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche