×

Coronavirus, Zaia: “In Veneto una banca del plasma dei guariti”

Zaia combatte il coronavirus invitando i guariti a donare il plasma per costruire un banca del sangue.

coronavirus zaia banca plasma

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha espresso il proprio interesse nei confronti della plasmaterapia per curare i pazienti positivi al coronavirus. Questa prevede di sfruttare il plasma dei guariti, che hanno dunque sviluppato gli anticorpi, per garantire ad altri di sopravvivere alla malattia.

I risultati di questa cura ancora in fase sperimentale sembrano dare speranza, motivo per cui Zaia, rivolgendosi alle 3600 persone guariti nel territorio da lui amministrato, invita a donare il plasma per creare una grande banca del sangue.

Coronavirus Zaia: “Banca del plasma in Veneto”

“Siamo stati i primi – ha detto Zaia – a partire con i test sierologici. E’ un progetto di alto valore scientifico che ha risvolti clinici. I dati dei primi 12 pazienti curati, che saranno inviati all’Istituto Superiore di Sanità hanno avuto esiti incoraggianti. Faccio ora appello a quei pazienti guariti, al loro senso civico, di donare volontariamente il sangue”.

Di atteggiamento decisamente più precauzionale è invece il ministero della Salute che afferma come “l’uso del plasma da convalescenti come terapia per il Covid-19 è attualmente oggetto di studio in diversi paesi del mondo, Italia compresa, ma questo tipo di trattamento non è da considerarsi al momento ancora consolidato perché non sono ancora disponibili evidenze scientifiche robuste sulla sua efficacia e sicurezza”.

Il parere discordante degli scienzieti

Anche il parere degli scienziati sulla plasmaterapia sembra essere discordante. Su questo punto Zaia ha le idee chiare: “Al di là delle grandi teorie di tanti, che non vanno neppure in ospedale, io mi fido di più di chi ha il paziente a fianco e lo sta curando. C’erano scienziati che asserivano che non serviva l’uso della mascherina. Ho sentito scienziati che dicevano che questa sarebbe stata un simil-influenza, che dicevano che qui in Italia il virus non sarebbe mai arrivato, altri che sarebbe stato non fondamentale dotarsi di tampone e così via”.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora