> > Sexy tifosa della Croazia sfida le regole del Qatar e rischia di farsi arrestare

Sexy tifosa della Croazia sfida le regole del Qatar e rischia di farsi arrestare

Ivana Knoll durante la sua esibizione pro Croazia in Qatar

Sexy tifosa della Croazia sfida le regole del Qatar e rischia di farsi arrestare dalle autorità mentre molti cittadini le dicono di "vergognarsi"

Spopola sui social la sexy tifosa della Croazia che sfida le regole del Qatar e rischia di farsi arrestare.

Ivana Knoll fa saltare le coronarie dei presenti e i nervi alle autorità del paese arabo che ospita i Mondiali dopo essersi fatta fotografare in uno stadio a supportare la sua Croazia (e la sua visibilità su Instagram) con una mise che a Occidente ha fatto battere le mani ma in Qatar ha fatto indignare i residenti.

Sexy tifosa della Croazia sfida le regole

Lei è stata subito acclamata come “la tifosa più sexy della Coppa del Mondo”, ma ora la roata Ivana Knoll rischia grosso e potrebbe avere guai seri con la polizia.

Il motivo? Le autorità del Qatar hanno vietato di esporre e minacciato di sanzionare un decimilionesimo di quello che Ivana ha messo in mostra, perciò tecnicamente e a far di conto “le toccherebbe l’ergastolo”. I media spiegano che il servizio fotografico della Knoll pubblicato su Instagram, in bikini e con un succinto abito che poco lasciava all’immaginazione, ha fatto scalpore nel mondo social.

Cosa rischia adesso Ivana Knoll

La modella rischia l’arresto e la reclusione o quanto meno l’interdizione dai luoghi pubblici.

La regola “catariota” è chiara: “Si consiglia a uomini e donne di non indossare pantaloncini o magliette senza maniche quando si recano in edifici governativi, strutture sanitarie o centri commerciali. Se non si veste in modo modesto, potrebbe essere richiesto di lasciare o negare l’accesso a questi luoghi“. E molti utenti si sono sfogati sui social: “Vergognati, rispetta la storia, la cultura e le tradizioni dei Paesi che visiti”.

Qui le immagini della sexy tifosa croata.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da 20 minutes online (@20minutesonline)