×

Juventus, primo incontro tra Allegri e Andrea Agnelli

Il futuro della panchina bianconera è ancora incerto: Allegri e Agnelli dovranno incontrarsi ancora.

Ancora più ombre che luci sul futuro della Juventus. Infatti, il primo incontro tra Andrea Agnelli e Massimiliano Allegri non sembra aver portato a delle conclusioni. Proprio per questo motivo, i due dovrebbero rincontrarsi e progettare il futuro della società bianconera. La telenovela sul futuro allenatore non è ancora finita e tutti i tifosi juventini sono in trepida attesa.

In pubblico entrambe le parti hanno giurato fedeltà all’altra, ma i dubbi e le ombre sul futuro continuano ad essere presenti. Massimiliano Allegri ha sottolineato in conferenza stampa di avere già in mente come migliorare e rendere ancora più competitiva la rosa bianconera. Il piano dell’allenatore toscano è stato esposto al presidente durante il primo incontro ed ora le parti stanno discutendo sulla fattibilità delle idee proposte da Allegri.

Il fallimento e il nuovo progetto

La stagione che si concluderà tra un paio di settimane è stata molto deludente per i colori bianconeri.

Infatti, nonostante la vittoria dell’ottavo scudetto consecutivo, la Juventus è stata eliminata precocemente sia dalla Coppa Italia che dalla Champions League. Il sogno di vincere il triplete è stato per l’ennesimo anno rimandato al prossimo. Le idee ed i progetti sembrano divergere tra dirigenza ed allenatore, con il secondo che chiede una rivoluzione e la prima che non ha intenzione di rivoltare la squadra come un calzino.

Con i due acquisti di Romero e Ramsey già effettuati, i tasselli necessari per completare la rosa non dovrebbe essere tanti. Sicuramente il tutto dipenderà dalle partenze: tanti sono i giocatori che sembrano pronti a cambiare casacca. Paulo Dybala e Miralem Pjanic sarebbero i primi della lista.


Fabio Rossi, varesotto classe 95. Cresciuto con un pallone sottobraccio, un grande amore per lo sport a cui affianca una passione per cinema e musica.


Contatti:

Contatti:
Fabio Rossi

Fabio Rossi, varesotto classe 95. Cresciuto con un pallone sottobraccio, un grande amore per lo sport a cui affianca una passione per cinema e musica.

Leggi anche