Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Serie A, Juventus ko con la Samp. Paratici: “Mai pensato a Guardiola”
Sport

Serie A, Juventus ko con la Samp. Paratici: “Mai pensato a Guardiola”

A Marassi decidono Defrel e Caprari. Il ds dei Campioni d'Italia smentisce le voci sul tecnico del Manchester City.

Nella 38.a e ultima giornata di Serie A la Juventus cade 2-0 contro la Sampdoria. A Marassi decidono i gol di Defrel all’84’ (tiro schiacciato) e di Caprari nel recupero (perfetta punizione). Allegri si congeda così dai Campioni d’Italia e nel pre-partita il ds bianconero Fabio Paratici ha chiarito che il successore del tecnico livornese non sarà Pep Guardiola. “Non abbiamo avuto contatti con lui e non ci abbiamo mai pensato“, le parole a Dazn secondo quanto riportato da SportMediaset. Smentite dunque le indiscrezioni sull’approdo dello spagnolo, attualmente al Manchester City. Paratici ha anche evidenziato quali saranno le tempistiche per la panchina: “Finché non termineranno tutte le competizioni mi sembra giusto rimanere in questa situazione, per rispetto di tutti”. A guidare la Signora potrebbe dunque essere un allenatore impegnato nelle finali di Champions ed Europa League, ossia Sarri, Pochettino e Klopp. L’ex Napoli sembrerebbe (condizionale d’obbligo) al momento in vantaggio.

Allegri: “Cinque anni straordinari”

“Sono stati cinque anni davvero straordinari.

Chi arriverà troverà una squadra vincente, molto più forte delle altre e con il 90% di possibilità di conquistare lo scudetto il prossimo anno”, ha evidenziato Allegri nel post-partita a Dazn. Sul proprio futuro il 51enne resta abbastanza vago: “Ora andrò in vacanza, poi vedremo. Sceglierò un posto dove mi posso divertire e fare un buon lavoro come è avvenuto qui, se c’è l’opportunità. Non ho ricevuto alcuna offerta e potrei stare fermo un anno”.

Il Torino regola la Lazio

Nella gara andata in scena alle 15 il Torino di Mazzarri batte 3-1 la Lazio e conclude il campionato al settimo posto a quota 63 (fuori comunque dalla zona Europa). Di Iago Falque, Lukic e De Silvestri le reti dei granata davanti ai propri tifosi; per i biancocelesti a segno Ciro Immobile per il momentaneo 2-1. Il pubblico dello stadio Olimpico Grande Torino ha reso omaggio a Emiliano Moretti che lascia il calcio giocato per assumere il ruolo di dirigente nel club di Urbano Cairo: l’ormai ex difensore non ha trattenuto le lacrime e si è commosso.

Le Aquile chiudono con un ko indolore considerata la vittoria nella finale di Coppa Italia con annessa qualificazione alla prossima Europa League.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Giorgio Meroni
Giorgio Meroni 602 Articoli
Giorgio Meroni, nato a Milano nel 1984. Dopo la laurea triennale e magistrale in lettere moderne, frequenta un master in giornalismo, sua grande passione fin dall'adolescenza. Diventa giornalista professionista nel 2014. Segue con interesse la politica, lo sport e il mondo della tv. Grande tifoso del Milan.