Storia di Garuda, il Mitico Uccello amico di Vishnu - Notizie.it
Storia di Garuda, il Mitico Uccello amico di Vishnu
Guide

Storia di Garuda, il Mitico Uccello amico di Vishnu

Garuda è un uccello mitico menzionato sia nel buddismo che nell’induismo.

Nell’induismo, Garuda è conosciuto come il re degli uccelli, e agisce spesso come messaggero tra gli uomini e gli dei. Garuda è descritto avere l’aspetto di un’aquila con il corpo e gli arti di un uomo.

La storia racconta che dopo la sua nascita aveva molta fame, così chiese a sua madre del cibo. Sua madre lo mandò da suo padre, che gli disse di un luogo in cui sarebbe stato in grado di mangiare i nativi. Prima di partire, suo padre gli aveva consigliato di non mangiare il bramino che viveva con i nativi, ma Garuda era così affamato che accidentalmente mangiò il bramino e gli rimase bloccato in gola.

Quando Kasyapa (il padre di Garuda), venne a sapere dell’accaduto era così spaventato per la vita del bramino che ordinò a Garuda di sputare sia i nativi che il bramino.

Ma Garuda aveva ancora fame, quindi questa volta venne mandato verso l’oceano. Lì trovò un combattimento tra un elefante gigante e un coccodrillo, li prese e volò via. Garuda cercò di posarsi su un albero, ma il ramo si ruppe. Per paura di uccidere le mucche o altri bramini, colse il ramo caduto e lo mise in sicurezza.

Vishnu vide l’ uccello e gli chiese cosa stesse facendo. Garuda rispose che nessun albero o montagna sembrava essere in grado di sostenere il suo peso. Sentendo ciò Vishnu offerse il suo braccio come trespolo, un braccio che non tremò nemmeno quando Garuda prese il suo posto su di esso. Garuda mangiò il suo pasto, ma era ancora affamato, così Vishnu gli offerse la carne del suo braccio. Garuda mangiò, ma notò subito che non vi era alcuna ferita. Realizzando che quell’uomo era il dio Vishnu, Garuda chinò la sua testa in segno di rispetto e rimase suo amico per sempre.

Un giorno la madre di Garuda, Vinata, cadde prigioniera di Kadru, la madre dei serpenti.

Come riscatto, i serpenti chiesero la tazza di Amrita che era tenuta dagli dei. Garuda rubò l’Amrita degli Dei per poter liberare sua madre. Proprio come i serpenti stavano per bere dall’Amrita, Indra strappò loro la coppa di mano. Tuttavia, alcune gocce si rovesciarono e vennero leccate dai serpenti. Questo li rese immortali e divise le loro lingue.

I serpenti sono rappresentati dai Naga, i diavoli che invocavano l’ odio di Garuda. Pertanto, Garuda rappresenta la correzione dei malvagi perché lui è nato con un grande odio verso il male. In altre parole, il suo compito principale è quello di spazzare via il male dall’universo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*