×

Euro 2020, rissa tra tifosi inglesi a Wembley prima della finale Italia-Inghilterra

Le immagini non sono da attribuire a uno scontro tra sostenitori inglesi e britannici, ma a una rissa tra tifosi inglesi prima dell'inizio della partita.

Tifosi italiani aggrediti

La finale di Euro 2020, che ha visto trionfare la Nazionale azzurra ai rigori, ha dato origine a scontri e festeggiamenti sfociati nella violenza tanto in Italia quanto in Inghilterra. Ma le immagini che mostrano calci e pugni all’ingresso dello stadio britannico dove si è disputato il match non sono da ricondurre a uno scontro tra tifoserie opposte.

È stata infatti smentita la notizia – riportata in un primo momento anche in questo articolo – secondo cui i tifosi italiani sarebbero stati picchiati dai sostenitori britannici: nella rissa immortalata in un video diffuso sui social erano coinvolti solo tifosi inglesi.

Rissa tra tifosi inglesi a Wembley: cos’è accaduto

Il video diffuso sui social da diversi giornali italiani così come da alcuni politici (tra cui il leader della Lega Matteo Salvini) è infatti stato girato prima dell’inizio del match e non al termine della partita, come si evince dalla luce del sole che si intravede oltre la porta dello stadio.

Tra le persone coinvolte nello scontro, inoltre, non si vede nessuno che indossa il tricolore o la maglia della Nazionale azzurra. Al contrario, tutti i presenti indossano simboli, bandiere e maglie della squadra britannica.

Al momento l’ipotesi più probabile è che la rissa sia scoppiata a causa di alcuni tifosi inglesi senza biglietto che hanno tentato di eludere la sicurezza per entrare allo stadio e assistere alla partita.

Non è per il momento noto se qualche tifoso sia stato ferito né se si sia reso necessario l’intervento dei sanitari.

A sedare le violenze sono state le forze dell’ordine e gli steward.

Rettifica

In una prima versione di questo articolo si attribuiva erroneamente la rissa a uno scontro tra tifosi italiani e inglesi al termine della finale di Euro 2020.

Contents.media
Ultima ora