5 cose da sapere (e che non sapete) su La Grande Bellezza

Cinema

5 cose da sapere (e che non sapete) su La Grande Bellezza

 Cinque cose che non sapete su La grande bellezza

“La grande bellezza” di Paolo Sorrentino ha vinto gli Oscar 2014. L’ultimo film italiano ad aggiudicarselo era stato “La vita è bella” di Roberto Benigni, nel 1999.

Il film di Sorrentino in Italia ha diviso pubblico e critica, ma ha convinto i critici stranieri, tanto da aggiudicarsi, prima della statuetta, il Golden Globe come migliore pellicola.

Il discorso di Sorrentino alla premiazione dei Golden Globe

Update: Prova il generatore automatico di Rigraziamenti di Sorrentino

Ecco una piccola raccolta di foto, scene tagliate e curiosità sul film di cui non si è parlato molto.

1 Numeri

La pellicola ha ricevuto 1.100.000 euro (Interesse Culturale) dal Ministero per i Beni e le attività culturali; 75miladal Programma Media Unione Europea. L’incasso durante la prima settimana è stato di 2.262.228 euro. Dopo la ridistribuzione, per via della nomination agli oscar, la cifra sale a 7.096.059 euro. Dura 142 minuti.

2 Le scene tagliate

La IndigoFilm, la casa di produzione del film, ha messo su Youtube una raccolta di scene che sono state girate ma non sono state poi inserite in fase di montaggio.

Una delle più belle è questa in cui Servillo va a intervistare un “maestro” del cinema italiano.

Qui invece una carrellata veloce di altri tagli:

3 Le foto

La Feltrinelli, per l’uscita del film, ha pubblicato “La grande bellezza – Diario del film“, una raccolta di immagini di scena e di set fatte dal fotografo Gianni Fiorito. Nell’introduzione, Paolo Sorrentino spiega cosa sia la grande bellezza del titolo:

“Ma ho il sospetto costante che tenere viva, a mo’ di chiacchiericcio salottiero, la pars destruens delle cose sia un’attività facilona e redditizia. Si rischia anche di passare per intellettuali inesorabili e spregiudicati. A me questo ruolo non è mai piaciuto. Ho sempre frequentato un piccolo, pudico pensiero: che a vedere il male dovunque si rischia di diventare davvero qualcosa che ha a che fare col male, o quantomeno di diventare, agli occhi di noi stessi, inospitali. Insomma, mi sono accanito giorno e notte a fare film non per puntare facilmente il dito contro ciò che non va, ma l’ho fatto per cercare la bellezza e il sentimento dappertutto.

Anche nelle cose che, nell’opinione dominante, non vanno bene”.

4 Sorrentino racconta la prima scena del film al Nyt

Il New York Times ha chiesto al regista di fare “l’anatomia” di una scena, e Sorrentino ha scelto quella di apertura. Così la racconta al quotidiano statunitense.

5 I luoghi della Grande Bellezza

La grande bellezza è un film di luoghi. Terrazze, chiostri, parchi, scorci, chiese, periferie: Roma è ripresa in molti suoi angoli, caratteristici e non. Alcuni vale la pena ricordarli.

Il chiostro di San Pietro in Montorio: Toni Servillo vaga per la Città Eterna in una delle sue passeggiate senza meta e incontra una bambina che si nasconde dalla madre. Lo fa nel chiostro firmato dal Bramante, capolavoro del Rinascimento.

Il parco degli Acquedotti: è una delle scene più divertenti e ciniche del film. Un’artista si lancia contro un muro, durante una performance. Il muro è quello dell’Acquedotto Claudio, nel VII Municipio.

Palazzo Barberini e Palazzo Spada: una delle scene più suggestive e spettrali è ambientata proprio in questi due palazzi; Jep porta Ramona a fare un giro tra i loro corridoi, spacciandole per le case delle principesse romane.

La Fontana dell’Acqua Paola: la piccola cascata d’acqua della fontana (a Roma “Er fontanone”) si vede nella prima scena, quella con il coro.

Come il chiostro di San Pietro in Montorio si trova sul Granicolo.

Villa del Priorato dei Cavalieri di Malta: meta di ogni turista per lo straordinario gioco prospettico che permette di vedere attraverso la serratura la cupola di San Pietro, fornisce i suoi spazi a una scena simile, in cui i protagonisti sono ancora una volta Servillo e la Ferilli in un giro per case e ville principesche.

La IndigoFilm ha realizzato un breve video per ripercorrere alcuni di questi luoghi. Eccolo:

Per finire la scena più bella a detta di molti:

LA GRANDE BELLEZZA // VOCAZIONE CIVILE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Nuovo Cinema Paradiso
Cinema

Nuovo cinema paradiso: cast e personaggi

24 settembre 2017 di Notizie

Un film molto bello del regista Giuseppe Tornatore è Nuovo cinema Paradiso. Uscito nelle sale nel 1988, il film ha ottenuto l’Oscar come miglior film straniero. Scopriamone insieme il cast e la trama.