Calcio indonesiano sconvolto: portiere perde i sensi e muore
Calcio indonesiano sconvolto: portiere perde i sensi e muore
Calcio

Calcio indonesiano sconvolto: portiere perde i sensi e muore

Choirul Huda
Il drammatico momento in cui il portiere si accascia al suolo.

Lutto nel calcio indonesiano: un famoso portiere indonesiano, Choirul Huda, 38 anni, è morto domenica dopo un casuale scontro con un compagno di squadra: “era una leggenda”, dicono gli esperti. Choc tra i fans.

La vicenda

Soccorsi

Un tremendo lutto ha colpito il calcio indonesiano: domenica scorsa, nell’Isola di Giava, un portiere, Choirul Huda, 38 anni, che militava nel Persela e nella Nazionale ed era molto conosciuto ed apprezzato, è morto in campo al 43° minuto del primo tempo della partita con un’altra squadra locale, il Semen Padang, alla fine dell’incontro di Indonesia Super League – poi proseguito e terminato con la vittoria per 2-0 del Persela –. Huda si è scontrato accidentalmente con un compagno, il centrocampista brasiliano Ramon Rodrigues, il cui ginocchio l’ha colpito al volto molto forte: inizialmente sembrava che non fosse niente di grave e l’uomo ha continuato a giocare, ma poi ha iniziato ad accusare forti dolori alla testa e al petto e si è accasciato a terra, tra la costernazione dei presenti. E’ stato portato via in barella, ma è morto poche ore dopo l’arrivo in ospedale, a Lamongan, nel pomeriggio di domenica, a causa di due traumi, uno cranico e uno al collo: lo ha confermato il medico, Yudistiro Andri Nugroho, il quale ha dichiarato che è stato fatto il possibile “per ristabilire le funzioni vitali” del calciatore, ma il massaggio cardiaco che gli è stato praticato è stato inutile.

“Era ancora sveglio e si lamentava per un dolore al petto. Poi è svenuto”, ha spiegato uno dei soccorritori.

Il portiere in barella

La storia calcistica del giocatore

Il portiere morto

Choirul Huda, che era nato il 2 giugno del 1979 a Reggenza di Lamongan, sposato e padre di due bambini, è stato definito dal presidente della Federcalcio locale Edy Rahmayadi “uno dei migliori portieri d’Indonesia”, mentre lo scrittore sportivo Anthony Sutton, che aveva incontrato il grande portiere solo qualche mese fa in occasione della presentazione di un libro, ha dichiarato che Huda stava “vivendo il sogno” di essere una stella del mondo del calcio del suo Paese ed era semplicemente felice. Anche lui lo definisce “una leggenda” e “la sua ambizione era diventare allenatore del suo club, dopo il ritiro”. “Amava quello che faceva, ma si comportava in modo molto modesto”. Huda giocava nella “serie A” del calcio indonesiano dal 1999 e aveva disputato più di 500 partite con il Persela.

I fans si sono radunati fuori dall’ospedale per una veglia con candele accese, aspettando notizie. Sulla pagina Instagram del suo club compare questo messaggio di cordoglio: “Grazie del tuo costante impegno. Grazie dell’ispirazione che hai dato al Persela, a Lamongan e al calcio indonesiano”. Dal 2000 è il quarto giocatore della Lega Indonesiana a morire in campo: gioco troppo aggressivo? C’è solo da augurarsi che episodi simili non accadano più, in Indonesia e altrove.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche