Come inizia la Seconda Guerra Mondiale COMMENTA  

Come inizia la Seconda Guerra Mondiale COMMENTA  

seconda guerra mondiale
seconda guerra mondiale

Come inizia la Seconda Guerra Mondiale, chi ha partecipato alla guerra e quali sono le cause che hanno scatenato il più grande conflitto armato della storia.

Chi partecipa alla Seconda Guerra Mondiale

La Seconda Guerra Mondiale ha inizio nel 1939, esattamente il 1° settembre, quando la Germania di Hitler decide di invadere la Polonia. La Guerra ha contrapposto due blocchi di potenze nazionali: da un lato le potenze del cosiddetto Asse e dall’altro le potenze dei paesi Alleati.


Il primo blocco è composto inizialmente da Germania e Italia, e questo accordo prende il nome di Asse Roma-Berlino, proprio per sancire l’alleanza militare (detta Patto d’Acciaio) tra Hitler e Mussolini sancita nel maggio del 39; successivamente, nel 1940, all’Asse si unisce anche il Giappone, da qui poi il nome di Asse Roma-Berlino-Tokio, conosciuto anche come Patto Tripartito.


Il secondo blocco di potenze nazionali, conosciuto come Alleati, è composto da Gran Bretagna e Stati Uniti (questi a partire dal 1941). Generalmente si uniscono negli Alleati anche la Francia, nonostante l’occupazione nazista da parte della Germania dal 1940 al 1944, e i paesi dell’Unione Sovietica e la Cina, già in guerra con il Giappone. Gran Bretagna, Stati Uniti e Unione Sovietica, sono ricordati come l’alleanza dei Tre Grandi.


Le cause del conflitto

Con la Seconda Guerra Mondiale si dà inizio a quello che sarà il conflitto più cruento della storia del mondo, dovuto alla nascita del movimento e alla consacrazione in Germania dell’ideologia nazista di Hitler, e alla formazione del Terzo Reich con le sue leggi razziali antisemite che hanno portato alla persecuzione degli Ebrei. L’odio per gli ebrei (ma anche per altre etnie) ha portato alla costruzione dei campi di concentramento, dove sono stati deportati milioni di ebrei e popolazioni di origine slava, nonché oppositori politici. Il numero stimato di morti complessivi è più di 50 milioni.

L'articolo prosegue subito dopo


Diverse cause hanno favorito a contribuire lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Prima fra tutte l’astio provato dalla nazione tedesca verso la Francia e il generale malcontento della popolazione per le decisioni dei Trattato di Versailles. Da questi trattati, infatti, la Germania è stata accusata di essere una delle principali potenze ad aver scatenato lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, oltre a essere stata quella che di più ha pagato i debiti di guerra, perdendo territori conquistati e vivendo una profonda crisi economica.

La seconda causa più importante che ha scatenato la Guerra, è sicuramente l’invasione della Polonia nel 1939 da parte della Germania, che va a rompere il patto precedentemente stipulato con l’Unione Sovietica. Le pretese di espansione di Hitler e la voglia di conquistare nuovi territori, in particolare i territori facente parte del corridoio polacco, cioè tutti quelli situati nella zona polacca tra il mar Baltico e Danzica, che in principio dividevano la Germania da quella che era la Prussia Orientale. L’invasione della Polonia fa saltare l’accordo Molotov Ribbentrop.

Un’altra causa da non sottovalutare è l’unione politica e militare tra Hitler e Mussolini. Lo stesso Mussolini, seguendo e imitando alcune scelte politiche di Hitler, come le leggi razziali antisemite e una ferrea politica autarchica.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*