Google: un nuovo programma contro lo Stato Islamico e l’estrema destra americana

Tecnologia

Google: un nuovo programma contro lo Stato Islamico e l’estrema destra americana

Google: un nuovo programma contro lo Stato Islamico e l'estrema destra americana
Google: un nuovo programma contro lo Stato Islamico e l'estrema destra americana

Google realizza un programma per contrastare l’influenza esercitata dallo Stato Islamico in rete. Questo mese, il programma sarà utilizzato anche per la lotta contro la violenza della destra americana estrema.

Un metodo di “reindirizzamento” firmato Google. “Redirect Method“, il programma contro la propaganda jihadista sviluppato dalla sua filiale Jigsaw e dalla start up inglese Moonshot CVE, sarà indirizzata alla supremazia dei bianchi violenti del Nord America a partire da questo mese, sostiene l’ Intercept.

Per questa estensione del programma, Google sta collaborando con la Gen Next Foundation, una fondazione privata americana impegnata nella lotta contro la violenza estremista, e sfrutta tutte le capacità del suo sistema pubblicitario.

Un metodo già testato con i sostenitori dello Stato Islamico

Prima di affrontare i membri violenti della destra americana estrema, “Redirect Method” mirava principalmente i sostenitori dello Stato Islamico. Lanciato un anno fa, il programma utilizza un algoritmo che genera dei suggerimenti pubblicitari in funzione di 1700 parole tipiche di un vocabolario utilizzato da un simpatizzante dello Stato Islamico. Se un utente di YouTube digita il nome di un membro dell’organizzazione terroristica nella barra di ricerca, appaiono automaticamente dei suggerimenti di link che rimandano a video denominati “Come aderire allo Stato Islamico“, il cui titolo, in realtà, nasconderà un video contro – propaganda.

Questo sistema per parole chiave relative ai centri di interesse si ispira a quello che Google vende agli inserzionisti. Questo non è però il reparto pubblicitario della società che è, qui, al lavoro ma è quello di Jigsaw, un’entità indipendente che si definisce come “un incubatore tecnologico con lo scopo di affrontare i problemi geopolitici più delicati“.

Composto da esperti di geopolitica internazionale, ricercatori, ingegneri e project manager, la Jigsaw si interessa anche molto ai conflitti in Medio Oriente e agli attacchi informatici su scala mondiale. In Francia, la questione della radicalizzazione è particolarmente sensibile per il motore di ricerca.

Le GAFA, gendarmi del web

Dopo gli attentati di novembre 2015, il motore di ricerca è stato soprannominato imam Google” da Xavier Bertrand, deputato di Les Républicains dell’Aisne, criticando il ruolo svolto dalla società nella radicalizzazione dei giovani. Quanto a Bernard Cazeneuve, ministro degli Interni, egli ha dichiarato più volte che “il 90 % di coloro che si avvicinano al terrorismo, lo fanno su Internet, basandosi su uno studio controverso. Come altre GAFA che collaborano con le autorità, Google ha “parzialmente accettato” le richieste di informazioni sugli utenti da parte del governo francese. Tra luglio e dicembre 2015, sono state trasmesse 4174 domande e il 59 % ha ottenuto una risposta dalla società. Secondo un portavoce di Google France, l’azienda ha anche rafforzato le sue squadre di moderazione su YouTube. In collaborazione con le associazioni francesi, la società ha condotto, per tutta l’estate, una campagna di disinformazione tra i giovani e il pubblico adulto.

Difficile da misurare con precisione l’impatto di questo lavoro per il motore di ricerca. Tuttavia “Redirect method” riporta i suoi notevoli risultati: il tasso di click sui suoi suggerimenti è di tre volte superiore a quello delle classiche campagne pubblicitarie. Per Yasmin Verde, direttrice del progetto, il lavoro è in linea con la missione del motore di ricerca: “Rendere le informazioni mondiali accessibili e utili” e non un lavoro di manipolazione, dice sul sito Wired. Google suggerisce le informazioni reali (secondo i suoi criteri) e gli utenti cliccano o non cliccano.

Nemmeno Twitter è ancora risparmiata dalle accuse di essere un bastione dell’ estremismo. Si è liberata di un certo numero di account terroristi, i quali, tuttavia, sono stati ri- creati immediatamente dopo la cancellazione . Facebook, dal canto suo, conduce lo stesso tipo di battaglia, eliminando i contenuti e account collegati allo Stato Islamico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...