Inter a caccia di un Top Player: grandi progetti per lo stadio

Sport

Inter a caccia di un Top Player: grandi progetti per lo stadio

Inter
Inter a caccia di un Top Player: grandi progetti per lo stadio

L’Inter si rinforzerà sul mercato a gennaio, ma i veri colpi arriveranno in estate: si lavora a dei Top Player.

Le cose in casa Inter non vanno come i tifosi vorrebbero. Il passaggio del club da Thohir (da lui i supporters si aspettavano molto di più) al Suning Group non ha ancora dato i frutti sperati. È vero, è passato poco tempo e l’operazione è andata in porto quando la stagione era già stata programmata ma appena 11 punti in 7 partite non sono accettabili per un club che negli ultimi anni ha vissuto di soli proclami.

E se per il mercato di gennaio gli obiettivi sono abbordabili, lasciano qualche perplessità i nomi fatti da Sport Mediaset per la prossima stagione. Ma andiamo con ordine. La difesa va rinforzata. Sull’out destro il nome caldo è quello di Darmian che arrivato l’anno scorso in quel di Manchester, sponda United, è stato messo in disparte da Mourinho. L’ex Torino può arrivare in prestito, poi si vedrà.

L’interesse per Darmian fa diminuire le quotazioni per Caceres.

Ma i veri botti – secondo Sport Mediaset – ci saranno durante il mercato estivo. Berardi è un obiettivo alla portata dei neroazzurri. Da anni dato come prossimo colpo della Juventus, l’attaccante non si è mai mosso dal Sassuolo e non ha fatto mistero delle sue simpatie per l’Inter. L’alterativa è Bernardeschi che con la Fiorentina si è abbassato sulla linea dei centrocampisti ma nell’Inter potrebbe giocare in un ipotetico tridente d’attacco.

Ma Zhang sogna in grande (lo faceva anche Thohir, a dire il vero): vuole un Top Player che possa attirare sponsor importanti. Non è un problema di Soldi ma riuscire a strappare Suarez al Barcellona o Aguero al Manchester City sembrano missioni impossibili, lasciamo comunque uno spiraglio per l’attaccante argentino. Un colpaccio possibile potrebbe essere quello di James Rodriguez del Real Madrid ma si tratta comunque di un’operazione non semplice, anche se con i giusti argomenti si possono convincere sia il calciatore che il club.

Ma ovviamente non si discute di solo mercato negli uffici del Suning Group.

Lo stadio è una voce importante per lo sviluppo commerciale del club. Al Giuseppe Meazza verrà destinato un budget considerevole per il restyling. Il progetto prevede l’addio al terzo anello, destinato alla realizzazione di ristoranti e altri esercizi commerciali. Di conseguenza i posti si ridurranno a circa sessantamila.

Intorno allo stadio sorgeranno centri commerciali, cinema, negozi e alberghi con la creazione di un ponte immaginario tra la Cina e Milano grazie alla creazione di pacchetti turistici che prevedono il biglietto della partita e il pernottamento in albergo, oltre, ovviamente, la visita di Milano. Wi-FI gratuito per tutti gli spettatori ma probabilmente la cosa più innovativa è la creazione di un asilo per tutti quei genitori che hanno figli troppo piccoli per portarli allo stadio ma che non vogliono perdersi lo spettacolo offerto dalla squadra del cuore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche