La fossa delle Marianne: scoperto il suo punto più profondo (HMRG)

Guide

La fossa delle Marianne: scoperto il suo punto più profondo (HMRG)

Il punto più profondo della Terra negli oceani è il Challenger Deep, che si trova nella Fossa delle Marianne, nella regione occidentale dell’Oceano Pacifico. In questa regione, l’oceano raggiunge il suo punto più profondo al Challenger Deep. Questa regione ha preso il nome dal British Survey Ship Challenger II, che scoprì questo luogo nel 1951. La Fossa delle Marianne, che si trova ad est delle Isole Marianne, misura circa 2.500 km (1.553 miglia) di lunghezza e circa 70 km (43 miglia) di diametro. Sebbene molte misure del Challenger Deep sono state prese in passato, la più precisa misurazione è stata effettuata dalla sonda giapponese nel 1995, che segnò la profondità di 10,911 km (6,831 miglia) sotto il livello del mare.

La formazione:

La Fossa delle Marianne è situata in una zona dove due placche tettoniche convergono tra loro, formando una zona di subduzione, dove il bordo occidentale della placca del Pacifico rimane sotto il bordo della piastra Mariana.

Nel punto in cui queste due placche collidono tra loro, una delle piastre si immerge nel mantello, formando una caratteristica denominata fossa oceanica. La tettonica delle placche è anche responsabile della creazione delle Isole Marianne. La natura della sua formazione e del fatto che essa sia l più grande placca tettonica sulla Terra che sommerge sotto un’altra placca tettonica, rende la Fossa delle Marianne il punto più profondo del mare.

Il Challenger Deep:

Nel 1951, il Challenger Deep esaminò la Fossa delle Marianne, è venne così scoperto il punto più profondo nel mare a circa 11.000 metri (11 km o 6 miglia) di profondità. Ci sono stati vari tentativi di misurare il Challenger Deep, tuttavia, le misure più vicine descrivono il Challenger Deep o un po ‘meno o un po’ più di 11.000 metri (6 miglia). E ‘stato stimato che se si prendesse in considerazione il Monte Everest, la montagna più alta della Terra, che arriva a toccare i 29.035 piedi, con il Challenger Deep, ci sarebbe comunque bisogno di un miglio dalla sua cima per raggiungere la superficie del mare.

Ci sono state quattro discese registrate al Trench mariana.

Il primo tentativo è stato fatto in 23 Gennaio 1960 da Don Walsh e Jacques Piccard nel batiscafo Trieste, missione durante la quale hanno raggiunto una profondità di 10.916 metri (35.814 piedi). Kaiko, un veicolo comandato a distanza ha raggiunto il punto più profondo nella Fossa delle Marianne il 24 marzo 1995. Nereus, un veicolo comandato a distanza, ha raggiunto il fondo del Challenger Deep, ad una profondità di 10.902 metri (6 miglia), il 31 maggio 2009. L’immersione più recente alla Fossa delle Marianne è stata fatta dal regista James Cameron, il 26 marzo 2012 in un sommergibile chiamato The Challenger Deepsea durante la quale ha raggiunto 10.898 metri (35.756 piedi) di profondità.

La vita nel Challenger Deep:

Nonostante le basse temperature che vanno da 1 a 4 ° C (34-39 ° F), e una pressione superiore a 1000 volte quello della pressione atmosferica a livello del mare, la vita sembra esistere a queste profondità.

Durante la prima spedizione con equipaggio nel 1960, gli scienziati hanno osservato grandi creature marine, come crostacei, invertebrati e pesci. In spedizioni successive, sono stati raccolti campioni contenenti minuscoli organismi. I resti in decomposizione di animali marini si depositano sul fondo dell’ oceano, formando una melma biogena. Spedizioni recenti che utilizzano delle telecamere hanno rilevato esseri unicellulari (amebe xenophyophores) di 4 pollici (10 cm) di dimensioni.

Camini idrotermali, chiamati anche i fumatori neri, sono molto comuni nella Fossa delle Marianne. Questi condotti d’aria emettono composti di zolfo e altri minerali. L’acqua dei camini idrotermali, è ricca di minerali disciolti, e supporta una grande quantità di batteri. Questi batteri utilizzano composti di zolfo per la produzione di materiale organico per il cibo, la creazione di reti alimentari complesse in cui gli animali marini più piccoli servono come fonte di cibo per gli animali più grandi. La biodiversità che prospera in questo ambiente si basa su sorgenti idrotermali come fonte di energia.

Gli scienziati dell’Istituto Hawaiian di Geofisica e Planetologia hanno scoperto una zona nelle Fosse delle Marianne con una profondità simile o forse anche superiore del Challenger Deep.

Durante un rilevamento nella regione di Guam nel Pacifico, hanno rilevato il punto più profondo con un sistema di mappatura a sonar, sonar attaccato alla estremità posteriore della nave di ricerca. Hanno chiamato il nuovo punto più profondo degli abissi HMRG, che sta per Gruppo di Ricerca Mapping Hawaii.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*