Legnaro, 70 enne stuprò gallina: animalisti contro

legnaro

Un pensionato settatene di Legnaro stupra una gallina. L’uomo  adesso è accusato di maltrattamento di animali. A novembre l’audienza.

Un uomo pensionato di 70 anni è accusato di stuprare una gallina.

Leggi anche: Orari, streaming e luoghi migliori per vedere eclissi luna rossa

Oggi si sono costituiti  due parti civili contro il settantanne. L’uomo di Legnaro è accusato di maltrattamento di animali, stalking nonché violenza sessuale su minori. 

Secondo gli indagini, l’uomo di Legnaro ebbe rapporti sessuali con la gallina il 8 febbraio del 2013.

Leggi anche: Anche il mercato del cotone nelle mani del Califfato, magliette “made in Isis”

La pollastra apparteneva al pollaio dei vicini, che non sopendo quale era la gallina contaminata, hanno dovuto sacrificare alcuni degli esemplari.  Appena si è saputo l’incidente, i proprietari della gallina, hanno subito fatto denuncia contro l’anziano.

Leggi anche: Riforma della sanità, scioperi e proteste in vista

Sono parte parte civile del caso, assieme all’Oipa (associazione italiana protezione animali). L’audienza avrà luogo il prossimo 8 novembre al tribunale di Padova. 

L’uomo accusato dello stupro aveva già realizzato fatti osceni in passato, e i vicini avevano già segnalato ripetuti esibizioni davanti anche i bambini  delle case vicine.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: Riforma del Senato, cosa prevede l’accordo della maggioranza

Motivo per cui è partita la grave denuncia di violenza sessuale su minori. Questa attitudine oscena  ripetuta da parte dell’uomo ha costretto ai bambini a modificare le loro abitudini, non potendo più usufruire del cortile per i giochi.

Leggi anche: Domenica Catalogna al voto, secessionisti in ampio vantaggio

Secondo gli specialisti, i bambini – che nel 2013 avevano solo 10 anni- avrebbero sviluppato dei traumi psicologici che sarebbero la causa principale degli attacchi di ansia.

Leggi anche

terremoto-tonga-islands
Esteri

Terremoto magnitudo 6.4 tra isole Tonga e Fiji, replica M 6.6

Sono ore preoccupanti per l'oceano Pacifico meridionale. Dopo i terremoti di magnitudo 6.4 e 6.0 registrati in prossimità delle Filippine e della Papua Nuova Guinea, un'altra scossa di terremoto si è verificata, poco fa, più ad est, in un'area densa di isole, molte delle quali abitate. Si è trattato di un altro terremoto violento, di magnitudo 6.4, registrato dai simografi tra gli arcipelaghi delle Tonga e delle Fiji. Il servizio geologico statunitense Usgs ha registrato la scossa alle 23.07 ora italiana: il sisma ha avuto un ipocentro di 196,1 km, dunque molto profondo anche se non molto, se rapportato ad [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*