L’Isis punirà severamente chi veste la maglia del Milan con 80 frustate

Isis

Incredibile monito dell’Isis a chi vestirà la maglia di alcuni club calcistici più prestigiosi d’Europa.

L’Isis adesso ha messo nel mirino anche il calcio Europeo. Hanno dell’incredibile alcune indiscrezioni che giungono dall’Iraq e precisamente dalla provincia irachena di Al Furatg e che potrebbe scatenare il panico fra i tifosi di calcio di mezza Europa. La polizia della provincia irachena avrebbe vietato di vestire le maglie calcistiche di alcuni fra i più grandi club calcistici d’Europa.

Leggi anche: Milan, Isis: 80 frustate a chi indossa la maglia


Coloro che non rispetteranno il divieto, rischieranno una pena corporale che consterebbe di 80 frustate. Fra le magliette vietate dall’Isis ci sarebbe anche quella del Milan, il glorioso club italiano, la cui maglietta è prodotta dalla Nike. Infatti nel mirino dell’Isis sarebbero proprio finite le maglie prodotte dalla stessa Nike e dall’Adidas.

Leggi anche: Si fa un selfie ma è un detonatore, esplode mentre filmano un video


In pratica non sarà più lecito vestire la maglia di alcuni top club come Manchester United, Chelsea, Manchester City, West Bromwich e Sunderland. Proibito anche indossare le maglie dei due top club spagnoli, Barcellona e Real Madrid e delle nazionali inglese, francese e tedesca.

Chi non ottempera al divieto verrà frustato pubblicamente in piazza, secondo i dati diffusi da Jttm, l’osservatorio che si occupa della Jihad e del terrorismo.

Leggi anche

champions-2016
Calcio

Champions 2016, vincono Napoli e Barcellona, cade il Bayern Monaco

Il turno di Champions 2016 ha regalato al Napoli la soddisfazione della prima vittoria europea sul terreno di casa in questa stagione. Seconda giornata della Champions 2016 e seconda vittoria per il Napoli di Sarri. I partenopei hanno dominato la sfida con il temuto Benfica, disunendosi solo nell'ultima parte di match, a risultato acquisito. Vantaggio di Hamsik dopo 20 minuti e 1-0 mantenuto fino alla fine del primo tempo. Nella ripresa, circa 10 minuti da incubo per i portoghesi. Al 51 esimo va in rete Mertens, al 54 esimo 3 a 0 a firma di Milik e al 58 esimo Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*