Metodi pedagogici innovativi per insegnare le scienze economiche COMMENTA  

Metodi pedagogici innovativi per insegnare le scienze economiche COMMENTA  

Economia è considerata dai più come una materia noiosa, una “scienza triste”. Sicuramente si tratta di un argomento ostico alla maggior parte degli studenti, poco interessati a riguardo. Perciò potrebbe essere utile ricorrere a tecniche pedagogiche innovative per sollecitare l’interesse dei giovani verso le scienze economiche. Fortunatamente, oggi giorno sono numerosi gli strumenti a cui possono accedere gli insegnanti come ad esempio casi da analizzare, esperimenti o media per spiegare economia in maniera interessante e stimolante.

Leggi anche: Anni 80: lo zaino Invicta amato dai ragazzi


Casi d’analisi

I casi da analizzare (“case studies”) sono metodi d’insegnamento molto diffusi nella pedagogia in diverse materie, utilizzati di recente ance per approcciarsi alle scienze economiche. Tale metodo prevede che l’insegnante legga o mostri un caso (storico o ipotetico) agli studenti e che successivamente proponga una discussione di gruppo per stimolare gli studenti ad applicare concretamente i concetti teorici a situazioni pratiche, permettendo quindi di far capire agli alunni che le materie economiche non sono solo grafici e tabelle ma che trovano un diretto utilizzo nella realtà quotidiana. Alcuni esempi di argomenti da trattare come casi di studio da analizzare possono essere la grande depressione americana degli anni 30, l’inflazione del marco tedesco durante la seconda guerra mondiale, la bolla economica che ha stravolto i mercati nel decennio scorso.

Leggi anche: Gender nelle scuole: l’educazione in Italia


Esperimenti

La maggior parte della gente difficilmente riesce a ricollegare le scienze economiche con gli esperimenti di laboratorio, mentre invece questi sono molto comuni ed utilizzati in ambito economico. Nello specifico, si tratta di studiare persone e situazioni, e come queste interagiscono. Si potrebbe organizzare un esperimento in classe, in cui gli studenti stessi diventano soggetti di un sistema economico. Ad esempio si potrebbe dar loro i soldi del monopoli, una serie limitata di merci e quindi lasciare che contrattino fra di loro i prezzi, creando quindi un mercato da zero. Le dinamiche che ne scaturiscono possono diventare materiale di studio per spiegare ad esempio il valore dei soldi e i meccanismi di domanda e offerta.


 

Simulazioni

Le simulazioni sono molto diffuse nelle scienze economiche. Anche gli insegnanti possono ricorrervi, usando un computer per mostrare agli alunni come concetti teorici ed astratti ed equazioni vengono poi impiegati nella pratica. Queste simulazioni possono anche includere dei giochi per far capire meglio i modelli economici, giochi che possono essere facilmente reperibili su internet.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Utilizzo dei media

E’ possibile integrare diversi media, ad esempio documenti, registrazioni, film e computer a supporto della lezione. Si potrebbero far vedere telegiornali, documentari, articoli di giornale, film con soggetto economico, come ad esempio Wall street.

 

Apprendimento autonomo

L’apprendimento autonomo è una tecnica d’insegnamento innovativa, che vede l’insegnante scardinarsi dal suo ruolo tradizionale di docente per diventare mediatore di una discussione. L’apprendimento autonomo può considerarsi come una sorta di insegnamento democratico, in cui l’insegnante si limita a condurre la discussione senza imporre determinate idee, lasciando che siano gli studenti a conferire, permettendo loro di capire meglio i concetti, molto più di quanto avrebbero fatto limitandosi a memorizzare formule e grafici.

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*