Mondiali in Brasile: Ecco il costo degli stadi COMMENTA  

Mondiali in Brasile: Ecco il costo degli stadi COMMENTA  

Il Mondiale di calcio è alle porte e incredibilmente mancano ancora gli ultimissimi ritocchi degli impianti. Fino alla socrsa settimana in un paio di stadi mancavano ancora i seggiolini sui quali si accomoderanno gli spettatori. Brasile, nazione sicuramente emergente a livello economico, ma ancora incredibilmente disorganizzata per queste manifestazioni così imponenti come può essere un mondiale di calcio. Tra proteste dei cittadini, incidenti vari, mancanza di sicurezza nei cantieri edili, gli stadi hanno comunque visto la luce, chi da zero, quindi costruito interamente dal nulla (come quello di Brasilia, costato oltre 500 milioni di euro o quello di San paolo costato oltre 300 milioni di euro), chi con una forte ristrutturazione (come quello di Rio de Janeiro che sfiora i 400 milioni di costo). Ci sono poi stadi costati relativamente poco, tra i 100 e i 200 milioni come la maggior parte dei 12 stadi mondiali, frutto di ristrutturazioni meno marcate che non sempre però hanno portato ad un aumento della capienza.

Leggi anche: In Brasile stop per due giorni a Whatsapp: ecco perché


Non rimane che porsi davanti al televisore e godersi lo spettacolo del Mundial, che avrà inizio tra 3 giorni.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*