×

Afghanistan, ragazza afghana in lacrime: “A nessuno importa di noi: moriremo lentamente dalla storia”

In Afghanistan, dopo il ritorno dei talebani al potere, una ragazza afghana ha girato un video in lacrime mostrato tutta la disperazione provata.

Video

In Afghanistan, il ritorno al potere dei talebani ha generato un’ondata di terrore nel Paese e una soffocante preoccupazione per il futuro delle donne. I sentimenti provati dalla popolazione femminile, in particolare, sono stati manifestati in modo chiaro e diretto da una ragazza afghana.

Dopo la riconquista del palazzo presidenziale da parte degli integralisti islamici, infatti, che ha scelto di registrare un video per mostrare la propria delusione, la propria angoscia e il proprio dolore per le sorti della Nazione e delle cittadine e dei cittadini dell’Afghanistan.

Afghanistan, ragazza afghana in lacrime: “A nessuno importa di noi”

Il video girato da una giovane ragazza afghana dopo la presa di Kabul da parte dei talebani dura appena 45 secondi: un lasso di tempo sufficiente a mandare un messaggio estremamente forte e potente.

Il discorso della ragazza, che si mostra con gli occhi lucidi e le guance rigate dalle lacrime, rafforza le preoccupazioni nazionali e internazionali nutrite nei confronti del futuro della popolazione femminile e rappresenta in modo emblematico la sofferenza e la paura provata dalle donne nate in Afghanistan.

In quei 45 secondi, la giovane afghana sembra guardare dritto negli occhi i suoi interlocutori e, nonostante la sua voce si riveli poco più di un sussurro frammentato da singhiozzi soffocati, le sue parole graffiano più di qualsiasi urlo.

Lo sconforto provato, poi, appare in tutta la sua brutale evidenza nel momento in cui la ragazza ammette con consapevolezzache nessuno salverà le donne e gli uomini dell’Afghanistan perché “a nessuno importa di noi”.

Afghanistan, ragazza afghana in lacrime: il video postato dalla giornalista Alinejad

La clip che ha come protagonista la giovane afghana è stata postata dalla giornalista iraniana Masih Alinejad attraverso il suo account Twitter.

Nel video, rapidamente diventato virale poco dopo la sua apparizione, la ragazza ha denunciato la situazione attualmente in atto in Afghanistan e ha commentato il ritorno dei talebani al potere, sostenendo: “Noi non contiamo perché siamo nati in Afghanistan, non posso fare a meno di piangere.

Devo asciugare le mie lacrime per poter registrare questo video. A nessuno importa di noi: moriremo lentamente dalla storia. Non è divertente?”.

L’amarezza che caratterizza le ultime parole pronunciate dalla giovane rende evidente il sentimento condiviso dalle donne afghane per le quali il futuro si è trasformato ormai in qualcosa di incerto ed effimero.

Afghanistan, ragazza afghana in lacrime: talebani e condizione della donna

In relazione ai diritti e alla condizione della donna in Afghanistan, dopo riconquista del potere, i talebani hanno indetto una conferenza stampa durante la quale hanno annunciato che alle donne continuerà ad essere consentito di frequentare la scuola e anche l’università e di lavorare. Dovranno, poi, portare l’hijab ma non il burqa.

Nonostante le apparenti rassicurazioni degli integralisti islamici, tuttavia, il loro ritorno al potere getta pesanti ombre sulla questione femminile e rappresenta un serio pericolo per la salvaguardia dei diritti faticosamente raggiunti nel corso degli ultimi venti anni.

Contents.media
Ultima ora