×

Anna Mazzamauro: “Brignano non mi ha picchiata”

Condividi su Facebook

Anna Mazzamauro difende Enrico Brignano dall’accusa di averla picchiata sul set di “Poveri, ma ricchi” e difende anche Fausto Brizzi sulle molestie.

Anna Mazzamauro, l’indimenticabile ex Signorina Silvani in Fantozzi, smentisce per la prima volta che sia stato Enrico Brignano a picchiarla tempo fa sul set del film “Poveri ma ricchi” di Fausto Brizzi – che tra l’altro deve difendersi dall’accusa di molestie sessuali ad alcune attrici -, provocandole “una lesione molto grave al menisco dell’orecchio”.

L’attrice aveva parlato dell’episodio senza però fare il nome del colpevole del gesto ed era circolata la voce che si trattasse proprio di Brignano, che si è trovato al centro di uno scandalo mediatico sull’onda delle denunce seguite al “caso Weinstein”. L’attore si era sempre dichiarato innocente e che per alcuni giorni aveva cercato invano di contattare Anna Mazzamauro perchè lo “scagionasse”: ora la collega l’ha fatto pubblicamente, durante un’intervista alla trasmissione La Confessione del giornalista italo-americano Peter Gomez, che andrà in onda venerdì 23 febbraio sul Canale 9 alle 23.

Le sue parole

Anna Mazzamauro

Anna Mazzamauro ha spiegato le circostanze che avrebbero scatenato la furia contro di lei: il fatto che, per sbaglio, avesse accavallato una battuta con quella di un altro attore.

L’ex Signorina Silvani ha rivelato di essere stata strattonata con una tale forza, che ha subito un danno fisico molto grave. A peggiorare le cose ci sarebbe il fatto che la produzione del film abbia “messo tutto a tacere”.

“Queste oche del Campidoglio starnazzavano per annunciare a Roma che stava per arrivare il barbaro”, ha dichiarato usando il modo di dire nato dalla celeberrima, storica leggenda: quella che vede appunto protagoniste le Oche del Campidoglio – dove oggi è notoriamente situata la sede del Comune di Roma – le quali, nel 390 a.C., starnazzarono tutte insieme così forte al punto da avvisare i Romani che i Galli di Brenno che assediavano la Città stavano per raggiungere il colle.

I nemici vennero così respinti dall’ex console Marco Manlio, che poi venne chiamato Capitolino.

Ha difeso anche Fausto Brizzi

Dato che nell’intervista di parlava del macro-argomento “violenza sulle donne”, Anna Mazzamauro ha anche voluto difendere il regista di “Poveri ma ricchi”, affermando senza giri di parole di essere dalla sua parte, chiamandolo “Signor Brizzi.

Fausto Brizzi

Ha definito ciò di cui è accusato “fatti personali che non devono interessare”, e ha aggiunto di aver letto i suoi libri – ne ha pubblicati ben otto, alcuni dei quali tratti dai suoi film -, sostenendo che chi scrive così, non possa essere così “squallido” come Brizzi viene descritto.

La difesa dell’attore sotto accusa

Enrico Brignano Anna Mazzamauro

Dopo essere stato accusato di aver picchiato Anna Mazzamauro – che tra parentesi è oggi una donna di 79 anni -, Enrico Brignano si era difeso vigorosamente dopo aver letto insulti contro di lui sui social. Parlando al Fatto Quotidiano, aveva detto di essere vittima di un “sistema” che “si chiama inquisizione”, in un “Paese schizofrenico, dove non si capisce più cosa sia vero e cosa verosimile. Qui si vuole solo la condanna, il sangue”, aveva concluso.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.